Tutte le 13 staffette arriveranno puntuali il 2 agosto a Bologna, dopo chilometri e chilometri di strada percorsa a piedi o in bicicletta, per non dimenticare la strage della stazione del capoluogo emiliano del 2 agosto 1980. Sono passati 39 anni da quella tragica pagina della storia italiana, quando perse la vita anche un veronese, Davide Caprioli, di ritorno da una vacanza. Oggi Davide avrebbe 59 anni, e di quel momento la sorella, Maria Cristina, ricorda ancora gli odori mentre cercava Davide, al primo binario.

A lui era stata dedicata una via al Chievo, dove oggi verso le 11.30 è arrivata la staffetta, partita in bicicletta alle 7 da Avio.

Tra i partecipanti, anche quest’anno, i ciclisti dell’Unione Radio Taxi Verona.

Una giornata che anche Verona vuole ricordare, portando nella memoria cittadina il nome di Davide.