Sindaco Precoma aggredito, solidarietà da Fontana e Zaia

Il sindaco Gianni Precoma è stato aggredito a Caerano San Marco, Treviso, da un gruppo di nomadi. Solidarietà dal Ministro Lorenzo Fontana e dal presidente del Veneto Luca Zaia.

Gianni Precoma, sindaco di Caerano San Marco, in provincia di Treviso, ha denunciato di essere stato aggredito da un gruppo di nomadi, nei cui confronti era intervenuto per far smantellare un accampamento abusivo.

L’episodio è avvenuto ieri sera in una zona in cui il primo cittadino si era recato di persona, anziché inviare la Polizia locale. Sul posto è intervenuta l’ambulanza che ha portato Precoma al pronto soccorso dell’ospedale di Montebelluna (Treviso), per far medicare botte, graffi e lividi sul volto.

Solidarietà nei confronti di Precoma è stata espressa dal Ministro per gli Affari Europei, Lorenzo Fontana.

«Gravissima aggressione di alcuni nomadi ai danni di un nostro Sindaco! Vicini a Gianni, onore al suo coraggio. Mi auguro che i responsabili paghino duramente. Avanti con la battaglia per la legalità e la sicurezza!»

Solidarietà anche dal presidente del Veneto, Luca Zaia.

«È allucinante che un sindaco di quelli che ama la propria terra, il decoro urbano e vuole tutelare i suoi cittadini, intervenuto soltanto per far osservare leggi e regolamenti, venga pestato brutalmente a sangue. Solidarietà assoluta e fraterna al sindaco, ‘colpevole’ di aver fatto il bravo amministratore. I cittadini
onesti e tutti gli amministratori del Veneto si stringono a te».

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.