Sanità, via libera ad altri investimenti in Veneto

Via libera dalla Regione Veneto ad altri 90 milioni di investimenti sulla sanità. Lanzarin: «Ogni euro valutato con rigore, si continua a progredire».

sanità-ospedale-sala operatoria
Sala operatoria (foto d'archivio)

L’ultima seduta di Giunta regionale dell’anno, su proposta dell’Assessore alla sanità Manuela Lanzarin, ha dato il via libera a nuovi investimenti in sanità per un totale di 90 milioni 300 mila euro da dedicare a 31 progetti presentati dalle Ulss e Aziende Ospedaliere e valutati positivamente dalla Commissione Regionale per l’Investimento in Tecnologia ed Edilizia (Crite).

All’Ulss 9 Scaligera vanno circa 3 milioni e mezzo per aggiornamenti ai sistemi informatici, 160mila euro per un mammografo all’Azienda Ospedaliera di Verona.

«Ogni euro di spesa – sottolinea la Lanzarin – è stato esaminato con rigore dalla Crite, per cui siamo di fronte a una forte iniezione di finanziamenti, tutti necessari per garantire lo sviluppo dei livelli di qualità della nostra sanità e l’operatività delle strutture sanitarie con l’acquisto di macchinari, strumentazioni, presìdi sanitari, robot chirurgici e interventi di tipo strutturale. Manteniamo anche in questo caso l’impegno, più volte ribadito, di continuare a investire per crescere in un settore come la sanità dove, se stai fermo, in realtà arretri. Il Veneto, quindi, avanza ancora e non fa nemmeno un passo indietro».

Sul tema sanità, pochi giorni fa Zaia e Lanzarin avevano voluto puntualizzare la situazione sull’equilibrio tra prestazioni pubbliche e private.

L’elenco completo dei progetti autorizzati dalla Giunta regionale

Ulss 1 Dolomiti: aggiornamento evolutivo dell’acceleratore lineare dell’ospedale di Belluno (850 mila euro); acquisizione di apparecchiature per controlli di qualità e radioprotezione dei lavoratori e della popolazione (305 mila euro); acquisizione di un nuovo acceleratore lineare in sostituzione di uno obsoleto all’ospedale di Belluno (2 milioni 100 mila euro); lavori di miglioramento sismico dell’edifico corpo di collegamento dell’ospedale di Feltre (540 mila euro); sostituzione di attrezzature di cucina per la ristorazione delle sedi di Belluno e Agordo (204 mila euro).

Ulss 3 Serenissima: aggiornamenti della rete dati (961 mila euro).

Ulss 5 Polesana: acquisizione di apparecchiature sanitarie elettromedicali come letti, monitors, ecg dinamico, ecografo cardiologico, congelatori per plasma (1 milione 237 mila euro); acquisizione di attrezzature per ostetricia (343 mila euro); studio di fattibilità per realizzare il reparto di degenza con pronto soccorso ad accesso diretto a servizio del dipartimento di salute mentale dell’ospedale di Rovigo (650 mila euro); acquisizione di attrezzature per la messa in servizio di nuovi ambulatori chirurgici di oculistica all’ospedale di Rovigo (174 mila euro).

Ulss 6 Euganea: procedura di gara per l’acquisizione di un sistema di video chirurgia robotica “Da Vinci” per gli ospedali riuniti Padova sud Madre Teresa di Calcutta (5 milioni 590 mila); Recupero e riorganizzazione delle funzioni del padiglione 4 del complesso sociosanitario Ai Colli (5 milioni 500 mila euro); affidamento di durata quadriennale con formula in conto deposito di dispositivi per le procedure di emodinamica e di elettrofisiologia (31 milioni 500 mila euro).

Ulss 7 Pedemontana: adeguamento edile e impiantistico del gruppo operatorio al 4° piano dell’ospedale di Bassano (530 mila euro); ripristino e messa in sicurezza dei manti di copertura dei fabbricati “A” e “C/D” del centro socio sanitario Prospero Alpino di Marostica; apparecchiature di cardiologia ed emodinamica dei presìdi di rete di Bassano e Santorso (274 mila 500 euro); aggiornamento apparecchiature gruppo operatorio di bassano e Santorso (594 mila euro); ammodernamento e miglioramento della sicurezza area degenze e ambulatori di Bassano e Santorso (1 milione 012 mila euro); aggiornamento apparecchiature di oculistica di Bassano e Santorso (326 mila 500 euro); sostituzioni di apparecchiature di endoscopia per l’ospedale di santorso (539 mila euro); aggiornamento delle apparecchiature per campioni biologici e conservazione di Bassano e Santorso (109 mila 693 euro); sostituzione apparecchiature radiologiche a Bassano (170 mila 800 euro); acquisto di pulmini per disabili (91 mila 817 euro.

Ulss 8 Berica: fornitura di un navigatore per protesi di ginocchio per l’Uoc ortopedia e Traumatologia di Vicenza (tramite noleggio); adesione alla convenzione Consip per noleggio a lungo termine di autoveicoli senza conducente (1 milione 840 mila euro); autorizzazione all’utilizzo di alcune linee di finanziamento e di utili accantonati negli anni precedenti (3 milioni 410 mila euro).

Ulss 9 Scaligera: parziale rifacimento della rete Lan e Wan (1 milione 771 mila euro); investimenti per la sicurezza e il consolidamento del sistema informatico (635 mila euro); adeguamento del sistema informatico aziendale con particolare riferimento alla gestione degli aspetti di privacy legati al cosiddetto “Confidentiality Code” (1 milione 300 mila euro).

Azienda Ospedaliera di Padova: fornitura per la durata di 4 anni di un sistema automatizzato, attrezzature e materiali di consumo per l’esecuzione di diagnostiche varie, chimica clinica, ematologia, coagulazione per l’Uoc Medicina di Laboratorio (18 milioni 900 mila euro).

Azienda Ospedaliera di Verona: autorizzazione all’acquisizione di un mammografo in configurazione completa (160 mila euro).