Nel Veronese al lavoro la rete per il contrasto alla violenza contro le donne

Protocollo di rete per il contrasto alla violenza contro le donne. Presidi sentinella, più informazione sulle opportunità di tutela e interventi di educazione nelle scuole e nei luoghi di lavoro.

Donato Cafagna, prefetto di Verona interdittiva antimafia
Donato Cafagna, prefetto di Verona

Si è svolta, il 30 settembre in streaming, la riunione dei sottoscrittori nel Veronese del Protocollo per il contrasto alla violenza contro le donne, che ha come finalità la costituzione di una rete territoriale tra Istituzioni, Enti locali, strutture di sostegno alle donne vittime di violenza di cui alla L.R. n. 5/2013, Enti profit e no profit, per un esame del fenomeno e per verificare lo stato di attuazione delle attività.

Ai lavori, coordinati dal Prefetto di Verona Donato Cafagna, con l’intervento dall’Assessore alla cultura e pari opportunità del Comune di  Verona Francesca Briani, del Presidente del Tribunale Antonella Magaraggia e del Procuratore Aggiunto Bruno Bruni, hanno partecipato i rappresentanti della Provincia, del GUP del Tribunale Penale, della Procura, delle Forze dell’ordine, della Polizia Locale, dell’Università degli Studi, dell’Ufficio  Scolastico Territoriale, dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata, dell’ULSS 9 Scaligera,  degli Ordini e delle associazioni dei medici, dei farmacisti e degli avvocati, del Comitato dei Sindaci dell’ULSS, del Centro Antiviolenza PETRA, di Telefono Rosa, delle organizzazioni sindacali.

Durante l’incontro, sono stati oggetto di approfondimento l’andamento del fenomeno e le misure di contrasto, le iniziative di prevenzione, le attività educative e le iniziative messe in campo dai soggetti firmatari del Protocollo.

Sulla base dei contributi forniti dalle Forze dell’ordine e dalla Magistratura, è emerso che il fenomeno continua ad essere presente in provincia, con numeri relativamente stabili, nonostante la fase del lockdown. Gli strumenti forniti dalla recente legislazione, Legge 19 luglio 2019, n. 69, il c.d. “Codice Rosso” hanno consentito di intervenire in maniera più celere ed incisiva a tutela della vittima attraverso le misure cautelari giurisdizionali e le misure di prevenzione di competenza del Questore.

LEGGI ANCHE: Maltrattamenti e minacce, madre e figli affidati a una struttura protetta

I partecipanti al tavolo hanno rimarcato il persistere di una difficoltà da parte delle donne, soprattutto straniere, ad avviare un percorso di collaborazione che consenta di aiutarle e di portarle a denunciare le violenze. Sotto questo aspetto, si è condiviso di sviluppare un intervento mirato a costituire dei presìdi-sentinella in grado di identificare i fatti sintomatici del fenomeno (medici di base, farmacisti, operatori scolastici, sindacalisti, rappresentanti per la sicurezza dei lavoratori, ecc., da formare opportunamente), nonché fornire strumenti di informazione alle donne interessate rendendoli di pronta disponibilità e di facile uso (opuscoli come: il codice rosa del Comune di Verona, dépliant, app per l’accesso a notizie e numeri utili).

Un ulteriore profilo che richiede un particolare impegno e che può fornire un apporto decisivo è quello orientato a determinare un cambiamento di rotta nell’approccio culturale dei rapporti di genere attraverso un intervento educativo-formativo che coinvolga tutti, senza distinzione di sesso, da svolgere nelle scuole, nelle università, nei luoghi di lavoro.

Verrà realizzata una raccolta delle iniziative messe in campo dai soggetti firmatari, con l’obiettivo di assicurare una circolarità ed uno scambio di buone prassi e la valorizzazione attraverso una reciproca implementazione.

Ha dichiarato il Prefetto Donato Cafagna: «Siamo ancora tutti profondamente scossi dalle tragedie che si sono consumate nelle ultime settimane, anche in questa provincia. Le istituzioni e la società veronese sono chiamate a dare una risposta forte e soprattutto concreta per rafforzare un sistema di presidi-sentinella, che avvicinino alle donne in difficoltà gli strumenti di informazione e di sostegno, intensificando i momenti educativi che favoriscano un reale processo di cambiamento verso rapporti di genere improntati alla parità ed al rispetto».

LEGGI LE ULTIME NEWS

Ricevi il Daily

VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?

È GRATUITO! CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM