Minacce di morte e aggressioni: stalker in manette

È finito in carcere un giovane veronese, accusato di stalking da una ragazza con la quale aveva avuto una breve relazione. L’uomo, che aveva inviato alla vittima messaggi offensivi e minacce di morte arrivando anche a seguire la vittima e ad aggredirla, era stato sottoposto al divieto di dimora nel comune di Verona e al divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla donna, senza però smettere di tormentarla. Ora il giovane è in attesa del processo.

Recidivo e violento. Per questo motivo sono scattate le manette per un giovane veronese indagato per il reato di atti persecutori nei confronti di una ragazza con cui aveva avuto una breve relazione.
A incastrare il ragazzo le risultanze investigative tra cui messaggi contenenti offese e minacce di morte, pedinamenti, aggressioni fisiche e danni all’auto della vittima, che si era ritrovata le gomme bucate, il parabrezza in frantumi e la carrozzeria rovinata.

Lo stalker, che già lo scorso 15 maggio era stato sottoposto al divieto di dimora nel Comune di Verona e al divieto di avvicinamento ai luoghi abitualmente frequentati dalla donna, aveva però continuato a trasgredire alle prescrizioni danneggiando nuovamente l’autovettura della vittima.

Per questo la Questura veronese, al fine di scongiurare il pericolo di recidiva e tutelare la giovane, ha emesso nei confronti dello stalker la misura della custodia cautelare in carcere.