Maxi sequestro dei finanzieri: 30 chili di droga trovati in un’auto

A finire nei guai un 30enne che, dopo aver tentato una fuga in auto è stato bloccato dai finanzieri. Al termine della perquisizione del veicolo, grazie all'unità cinofila, sono stati rinvenuti 22 chili di cocaina e 7,5 chili di hashish.

La Guardia di Finanza di Verona, nell’ambito di un servizio di controllo economico del  territorio, ha arrestato una persona per detenzione illecita di circa 30 chili di droga. 

Nel pomeriggio di lunedì, l’attenzione di una pattuglia delle Fiamme Gialle scaligere è stata attratta da un’auto che, dopo una brusca accelerazione, è uscita dall’area del parcheggio del centro commerciale Auchan Porte dell’Adige in Bussolengo per  poi proseguire molto speditamente in direzione del centro cittadino. I finanzieri hanno deciso quindi di controllare quel mezzo con una sola persona a bordo che, tuttavia, non solo non si è fermato all’alt, ma ha eseguito una serie di manovre repentine e pericolose tentando di dileguarsi a forte velocità e mettendo così a repentaglio la stessa incolumità dei cittadini.  

Ne è seguito un rocambolesco inseguimento che è terminato a Castelnuovo del Garda,  dove l’auto è stata finalmente bloccata e l’uomo, datosi alla fuga a piedi, è stato immediatamente raggiunto dai finanzieri e condotto presso la caserma veronese di via  Mazza dove è stato identificato come un 30enne di origini marocchine domiciliato a Caselle di  Sommacampagna, già gravato da numerosi precedenti di polizia. Tale circostanza ha indotto i finanzieri del Nucleo  di polizia economico-finanziaria veronese ad ispezionare l’autovettura con l’ausilio di un’unità cinofila antidroga della Guardia di finanza di Villafranca di Verona. 

Grazie all’infallibile fiuto del pastore tedesco Zack, che ha segnalato insistentemente uno specifico punto del mezzo, è stato scoperto l’ingente quantitativo di droga, abilmente occultato in un ingegnoso doppiofondo e suddiviso in 21 involucri contenenti  complessivamente oltre 22 chilogrammi di cocaina e 9 “panetti” per un totale di 7,4 chilogrammi di hashish, oltre a denaro contante di vario taglio, suddiviso in mazzetti incellophanati, pari a 47.955 euro. 

Il trentenne è stato quindi arrestato e portato presso la Casa Circondariale di Verona  per il reato di detenzione illecita di sostanze stupefacenti e resistenza a pubblico ufficiale. Lo stupefacente, l’autovettura e il denaro sono stati posti sotto sequestro. Oggi la convalida  del G.I.P.. Si stima che la droga, laddove fosse arrivata sul mercato dello spaccio, avrebbe potuto fruttare non meno di 2 milioni di euro.