Mattarella: «Lo sfruttamento sessuale delle donne è schiavitù»

Sergio Mattarella

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella parla in occasione della Festa della donna.

«Lo sfruttamento sessuale delle donne è una pratica criminale purtroppo diffusa. È bene chiamare questa condizione con il nome appropriato: schiavitù. Si tratta dell’infame schiavitù del nostro secolo». Lo ha detto il presidente Sergio Mattarella parlando dal Quirinale in occasione dell’8 marzo.

La domanda di «prostitute schiave» è alimentata «da uomini, di ogni età e censo, che approfittano di queste povere donne, indifferenti davanti alla violenza, alla riduzione in schiavitù, spesso anche di fronte alla minore età delle ragazze. È un fenomeno diffuso, che, in realtà, esprime una acquiescenza se non una tacita connivenza con il crimine». Ha aggiunto Mattarella.

Il Presidente parla anche delle continue violenze e femminicidi. «Non possiamo continuare ad assistere inerti alla violenza nelle case e nelle strade. Ancora ieri, nel nostro Paese, sono state assassinate due donne – Alessandra e Fortuna – vittime di una violenza prodotta da distorte e criminali mentalità di possesso e dominio». (Ansa)