Le richieste dei pensionati veneti ai candidati alle europee

pensionati centri anziani spazio 65+ verona

Anche i pensionati veneti aderiscono all’iniziativa della Ferpa. Quasi 4mila cartoline inviate agli oltre 200 candidati a Nordest.

Il diritto a un reddito da pensione sicuro, equo e dignitoso per donne e uomini, sostenuto da sistemi pubblici. Il diritto a un’assistenza sanitaria pubblica, efficiente, di lunga durata e di qualità, che tuteli la non autosufficienza. E poi il diritto all’invecchiamento attivo, affinché le persone anziane e pensionate continuino a essere protagoniste della società superando ogni discriminazione legata all’età.

Sono queste le richieste dei pensionati dei sindacati Spi-Cgil, Fnp-Cisl e Uilp-Uil del Veneto che aderiscono all’iniziativa promossa dalla Ferpa (la Federazione dei sindacati europei dei pensionati e delle persone anziane), che ha deciso di richiamare l’attenzione sui problemi che affliggono le persone anziane e i pensionati inviando ai candidati alle prossime elezioni del Parlamento europeo un appello in formato cartolina.

«A chi verrà eletto – spiegano i segretari generali dei sindacati dei pensionati del Veneto Elena Di Gregorio (Spi Cgil), Vanna Giantin (Fnp Cisl) ed Emanuele Ronzoni (Uilp) – chiediamo che non si dimentichi di quell’importante fetta di cittadini europei che tanto hanno dato ai loro Paesi e che ogni giorno si imbattono in una serie di difficoltà, comuni ad ogni latitudine. È per questo che dai nostri territori stiamo inviando quasi 4mila cartoline agli oltre 200 candidati nella circoscrizione elettorale del Nordest: chiediamo loro un impegno concreto affinché i problemi dei pensionati e delle persone anziane vengano finalmente affrontati e risolti. I pensionati, infatti, rappresentano un quarto della popolazione: in Veneto sono circa 1,3 milioni, in Italia 16 milioni».

Spi-Cgil, Fnp-Cisl, Uilp-Uil _ Cartoline ai candidati alle Europee 23-26 maggio 2019