L’anno della polizia locale: rilevate oltre 385mila infrazioni al codice della strada

In occasione delle celebrazioni per i 157 anni dalla fondazione del Corpo della polizia locale di Verona, la squadra scaligera ha voluto tirare un bilancio di quanto fatto nel corso dell'ultimo anno, particolarmente impegnativo tra cantieri, eventi e controlli stradali.

Festa_Polizia_Locale_2023

È stato un anno particolarmente impegnativo per la Polizia locale: tra il grande cantiere per la filovia in via Città di Nimes, che occupa ogni giorno 22 agenti dalle 7 alle 9, e oltre duemila tra eventi e manifestazioni.

A ciò si aggiunge l’attività per la sicurezza stradale e per quella urbana, il contrasto al micro-spaccio di stupefacenti, i controlli di polizia amministrativa nei locali pubblici e nei cantieri stradali. Ma anche il controllo di vicinato, le segnalazioni sempre più numerose e la richiesta di maggiore sicurezza.

«La città già da tempo dava importanti segnali di cambiamento e di mutate esigenze – spiega l’assessora alla Sicurezza, Legalità e Trasparenza Stefania Zivelonghi -, ma quello che abbiamo visto nell’ultimo anno in termini di presenze, vivacità e complessità sotto vari profili e non solo sul tema sicurezza, che tanto sta a cuore ai cittadini, indicano urgente la necessità di maggiori risorse, che arriverebbero con il riconoscimento di Verona come Città metropolitana. In questo anno sono tante le situazioni e i progetti condivisi con il Comando e molti i risultati raggiunti, penso al Controllo di vicinato che ci vede presenti sul territorio a parlare con i cittadini o al potenziamento tecnologico, come le geolocalizzazione dei fenomeni che sicuramente andremo a potenziare. Infine un ringraziamento agli agenti e ai funzionari della nostra Polizia locale, in una città come la nostra sono richiesti servizi 24 ore su 24, 7 giorni su 7, un’attività che non richiede solo professionalità ma anche passione e sacrificio».

«Un anno mai così impegnativo, per tanti motivi – ha affermato il Comandante Altamura-. Impegna soprattutto il cantiere della filovia, ogni mattina ci sono 22 agenti che presidiano l’anello circonvallatorio dalle 7 alle 9, al momento questa è la nostra priorità insieme alla sicurezza stradale e a quella urbana. Registriamo un aumento dei morti a causa di incidenti stradali e di cattive abitudini come la guida in stato di ebbrezza, sotto effetto di stupefacenti o per troppa velocità. Noi ci stiamo impegnando al massimo con le risorse che l’Amministrazione ci ha dato, la Legge di bilancio impone tuttavia determinati limiti, ma ormai è evidente che serve ulteriore disponibilità di risorse».

Il bilancio attività Polizia locale

In vista delle celebrazioni programmate per venerdì 6 ottobre, per il 157° anno di fondazione del Corpo scaligero, sono stati riportati i dati delle attività svolte dalla polizia locale di Verona nell’ultimo anno.

L’attività giornaliera di controllo di tutto il territorio cittadino ha portato alla realizzazione di 41.197 servizi da settembre 2022 ad agosto 2023. Fondamentale l’apporto ricevuto dal nuovo personale, frutto delle selezioni concorsuali completate nel corso del 2022 e 2023, non ancora sufficienti a rispondere pienamente alle esigenze della città, considerato il turn-over e le norme che restringono la possibilità di assumere.

Per quanto riguarda sicurezza urbana e lotta al degrado, sono stati 1.246 i grammi di sostanze stupefacenti sequestrati e 420 le violazioni per accattonaggio accertate. L’introduzione del Daspo urbano ha permesso di allontanare alcuni soggetti dalle strade del centro: oltre duemila le persone identificate (contro le 900 del 2022), 628 i provvedimenti emessi contro i 646 del 2022. Due le segnalazioni inviate alla Questura con richiesta di emissione di provvedimenti di allontanamento.

Il controllo sulla circolazione stradale, invece, registra circa 385.811 mila infrazioni (372 mila nel 2022), di cui oltre 49 mila per eccesso di velocità, 141.656 per passaggio non consentito in Ztl e 97.432 nella corsia dedicata ai bus. In totale, sono stati 27.788 i punti decurtati dalla patente. Complessivamente, sono stati 34.237 gli interventi gestiti dalla Centrale Operativa (33.562 nel 2022), fra cui i 1.633 gli incidenti stradali rilevati. Per la videosorveglianza, rafforzato il sistema di controllo, passato dalle 347 telecamere installate nel 2022 alle 450 del 2022. Rafforzata la gestione della viabilità in occasione dei cantieri stradali come la filovia, che impegna centinaia di uomini e donne ogni settimana.

Nel corso di quest’ultimo anno l’attività della Polizia locale è stata particolarmente orientata allo svolgimento di servizi di supporto della cittadinanza e, contro degrado e spaccio di stupefacenti, ad un maggior lavoro di verifica in parchi, aree pubbliche e zone più a rischio della città. Quasi 41 mila gli interventi effettuati. Significativa l’attività contro il degrado urbano, contrastato nelle sue varie forme: identificate oltre 2.000 persone, contrasto all’accattonaggio per 420 violazioni e sgomberi, invasione di terreni ed edifici 40, per 78 bivacchi e occupazione abusive di edifici. Massima attenzione al mondo giovanile e alla lotta ai comportamenti illegali da parte dei minorenni. Conseguenza della pandemia e della complessiva chiusura, per un lungo periodo, di luoghi di aggregazione fondamentali per il mondo giovale, come centri sportivi, discoteche e oratori, anche per i comportamenti di minorenni che vede coinvolti giovanissimi, anche già dai 12 anni. Un fenomeno che non può risolversi solo con la repressione, ma con interventi correttivi, che aiutino concretamente i ragazzi. Infine, da rilevare, che a fronte di 2.426 controlli effettuati su spazi disabili, i pass ritirati per uso indebito sono stati 73. Una situazione indubbiamente migliorata, ma che registra ancora, da parte di alcuni cittadini, un comportamento inaccettabile, lesivo di un diritto esenzione per le persone con disabilità.

Grandi risultati dal Laboratorio Analisi Documentali, impegnato nel contrasto ai prestanomi di veicoli, nel rintracciare documenti falsi (soprattutto patenti) e nel fermare il sempre più massiccio utilizzo di sotterfugi tecnologici per superare gli esami della patente presso la Motorizzazione.

Specifici controlli sono stati effettuati anche nell’ambito dell’autotrasporto, grazie ad una recente convenzione stipulata fra Comune e Consorzio Zai. Massima l’attenzione rivolta anche per quanto riguarda i pubblici esercizi, la sicurezza nei cantieri e il controllo di discariche abusive e abuso sugli animali. Tante e diversificate attività che bene rappresentano la complessità del lavoro svolto ogni giorno, a servizio della comunità veronese, dal personale della Polizia locale, compresa l’attività di educazione stradale nelle scuole di ogni ordine e grado.

Prioritaria l’attività di controllo in favore della sicurezza stradale, che resta la principale delle competenze in corpo alla Polizia locale. Gli incidenti sono aumentati, passando dai 1.393 del 2021 ai 1.585 del 2022 e ai 1.633 del 2023, e aumentano gli episodi di pirateria stradale ben 78. Sono comunque dati incoraggianti, se si confrontano ai quasi 2.300 incidenti registrati nel 2010. Dati che dimostrano l’importanza del lavoro realizzato e dell’attenzione rivolta dall’Amministrazione alla sicurezza dei cittadini.