Lancia bottiglie per strada e aggredisce agenti: arrestato

Stava creando scompiglio fuori da un negozio in Piazza Isolo Marius Pika, polacco di 44 anni, che nel pomeriggio di ieri ha iniziato a lanciare bottiglie di vetro sul marciapiede. All’arrivo delle Volanti e degli agenti, chiamati dall’esercente, l’uomo si è rifiutato di tirare fuori i documenti  scagliandosi contro i militari nel tentativo di colpirli. Dopo averlo bloccato l’uomo è stato arrestato per resistenza e violenza a Pubblico Ufficiale. Il polacco senza fissa dimora è stato anche denunciato per porto ingiustificato di oggetti atti ad offendere, in quanto, dalla perquisizione risultava essere in possesso di un paio di forbici appuntite, nascoste nella tasca destra del giubbotto. Dopo la convalida dell’arresto, che si è tenuta oggi, il giudice ha condannato l’uomo a 4 mesi di reclusione con il beneficio della sospensione condizionale della pena.

Un comportamento violento e ingiustificato quello di un uomo polacco di 44 anni, Marius Pika, che nel pomeriggio di ieri è stato fermato dagli agenti.

L’uomo, infatti, era stato segnalato da un esercente di Piazza Isolo preoccupato dallo strano comportamento dell’individuo che lanciava bottiglie di vetro sul marciapiede. Le Volanti della polizia, dopo aver individuato l’uomo su Lungadige Porta Vittoria, hanno richiesto i documenti. Il polacco, per tutta risposta, ha tentato di colpire in pieno volto gli agenti sferrando pugni.

Dopo aver bloccato Pika, i militari l’hanno arrestato con le accuse di resistenza e violenza a Pubblico Ufficiale e denunciato in stato di libertà per porto ingiustificato di oggetti atti ad offendere, in quanto, dalla perquisizione personale eseguita, risultava essere in possesso di un paio di forbici appuntite, nascoste nella tasca del giubbotto.

Stamane il giudice ha convalidato l’arresto dell’uomo e lo ha condannato a quattro mesi di reclusione con il beneficio della sospensione condizionale della pena.