La Sis Roma aspetta la Css Verona a Ostia

È tutto pronto per il 15° turno di campionato, il quart’ultimo della stagione regolare. Nel fine settimana la Css sarà di scena al Centro natatorio di Ostia per affrontare una delle formazioni più in forma di questo periodo, la Sis Roma.

Prandini e compagne proveranno a riscattare in un solo colpo il match di andata ed il brutto pomeriggio vissuto sabato scorso, probabilmente le due prestazioni più buie del campionato gialloblù. Contro Rapallo, nonostante il discreto inizio la squadra allenata da Zaccaria non è riuscita a mantenere il ritmo delle avversarie e, non senza un pizzico di nervosismo di troppo, è stata presa a pallate dalle ambiziose liguri. Roma, seconda in campionato ad un solo punto da Catania e fresca vincitrice della Coppa Italia, non sembra il cliente ideale da incontrare.

Tra le giovanissimi giocatrici nelle fila della Css, Luna Carli, finora impiegata pochissimo, anche a causa di un infortunio ad inizio stagione, che ha parlato dell’aria che si respira nello spogliatoio gialloblù: «Più che la sconfitta in sé, che era preventivata, è stato l’atteggiamento messo in campo il problema più grande. Non siamo mai entrate in partita e non abbiamo saputo reagire nei momenti di difficoltà. Questa categoria non risparmia nessuno, a maggior ragione se hai davanti una squadra come il Rapallo. Ma anche queste sconfitte servono per crescere e abbiamo iniziato subito a lavorare sugli errori commessi. Il gruppo c’è ed è sempre la nostra forza». La stagione «è stata difficile. A inizio campionato è arrivato l’infortunio: sono dovuta ripartire da zero, mentre le mie compagne andavano avanti con la preparazione e giocavano le partite. –  conclude la Carli – Non nascondo che spesso ho pensato “non ce la faccio, mollo tutto”, ma ogni volta trovavo un motivo per non farlo e quando non riuscivo a trovarlo lo hanno fatto per me le mie compagne».