In Lombardia salgono a 39 i contagi da Coronavirus

L'assessore al Welfare Gallera: «Esclusi casi a Milano. Non è una pandemia».

È salito a 39 il numero di contagiati da Coronavirus in Lombardia: lo ha spiegato in conferenza stampa il presidente della Regione Attilio Fontana, sottolineando che si sono tutti verificati nella stessa area a sud di Lodi. In totale, tra Lombardia e Veneto, sono 50 i casi registrati.

«Abbiamo la conferma che l’area del basso Lodigiano è centro di un focolaio. Possiamo dirlo in maniera abbastanza certa, tutte le situazioni di positività hanno o avuto contatti nei giorni 18 e 19 con il pronto soccorso e l’ospedale di Codogno», ha aggiunto l’assessore lombardo al Welfare Giulio Gallera, facendo il punto sulla situazione del coronavirus in Lombardia.

L’assessore Gallera ha escluso «situazioni a Milano. Non è una pandemia, per ora non ci sono motivi perché nel resto della regione vengano prese misure di alcun tipo dal punto di vista sanitario», ha concluso.

Del sostegno del Governo ha parlato, invece, Fontana: «Ne abbiamo assolutamente parlato e abbiamo ricevuto garanzie da parte del presidente del Consiglio sul sostegno economico per le aziende delle aree colpite dal Coronavirus». (Ansa)