Il consigliere Moreno Bronzato entra in Verona Domani

Il movimento civico si rafforza nelle Circoscrizioni, con l'adesione di Moreno Bronzato, consigliere della Quinta Circoscrizione.

Verona Domani Moreno Bronzato
Bronzato insieme al presidente Gasparato, il consigliere comunale di Verona Domani Paolo Rossi e amministratori del movimento
New call-to-action

Verona Domani cresce e si rafforza anche nei parlamentini veronesi. Moreno Bronzato aderisce al movimento di centrodestra guidato da Matteo Gasparato.  Amministratore di lungo corso, consigliere in Quinta Circoscrizione da oltre dieci anni (è attualmente al terzo mandato), residente da sempre in Borgo Roma, Bronzato lascia la Lega, dove militava dal 2020 e sposa la causa civica di Verona Domani. Salgono così a circa una decina i rappresentanti del movimento nelle 8 circoscrizioni cittadine, facendone uno dei partiti più rappresentati nei parlamentini scaligeri.

LEGGI ANCHE: Verona attende il sorriso di Papa Francesco

«Accogliamo con estrema soddisfazione il consigliere Bronzato – ha commentato Gasparato –  Un amministratore serio, preparato e con una lunghissima esperienza nelle Circoscrizioni. Esperienza e capacità che ci aiuteranno a rafforzare le spinte territoriali e la vicinanza ai quartieri e al territorio, da sempre capisaldi di Verona Domani. Un nuovo ingresso che testimonia la forte attrattività del nostro movimento e che ci fa ben sperare per i prossimi impegni elettorali».  

«Sono particolarmente lieto di aderire ad un’area civica fortemente legata alla vita, alle necessità, ai problemi e alle dinamiche dei nostri territori e dei nostri quartieri – ha commentato Moreno Bronzato – Fin dal 2012, esclusa la breve parentesi nella Lega, ho sempre limitato tra le fila di liste civiche di centro destra, ispirate a valori liberali ed inclusivi. Gli stessi valori che oggi ritrovo in Verona Domani, un contenitore civico che in questi anni ha sicuramente rappresentato un punto di riferimento per la politica e l’amministrazione moderata veronese. Ringrazio Gasparato e i vertici del movimento per la fiducia».