Fallimenti ed evasione fiscale, quattro indagati tra Verona e Foggia

Sono quattro le denunce scattate per altrettante persone, coinvolte nella gestione di una società, accusate dalla Guardia di Finanza di Verona di bancarotta fraudolenta aggravata e omesso versamento dell'IVA. Le fiamme gialle hanno provveduto al sequestro di 1,7 milioni di euro.

Guardia di Finanza di Verona, Tenenza di Peschiera del Garda
Guardia di Finanza di Verona, Tenenza di Peschiera del Garda

I finanzieri del Comando Provinciale di Verona, all’esito di indagini delegate dalla locale Procura della Repubblica nel settore dei reati fallimentari, stanno dando esecuzione, in queste ore, a un decreto di sequestro preventivo per oltre 1 milione e 700 mila euro

Il provvedimento, emesso dal Gip del Tribunale scaligero, dott.ssa Paola Vacca, su richiesta del Sostituto Procuratore della Repubblica, dott. Stefano Aresu, riguarda gli amministratori di una società veronese, operante nel commercio all’ingrosso di prodotti petroliferi, fallita nel 2019 e il titolare di una ditta di Cerignola (FG) esercente la medesima attività. I reati contestati sono quelli di bancarotta fraudolenta aggravata e omesso versamento di IVA. 

Il sequestro giunge al termine di articolate indagini condotte dai finanzieri del Nucleo di  polizia economico-finanziaria di Verona che hanno ricostruito le cause del dissesto societario individuando i soggetti ritenuti responsabili. 

Le Fiamme Gialle scaligere hanno accertato, in particolare, che l’amministratore unico della società veronese (78 anni, di origini laziali) nel 2017, dopo aver rilevato il 98% delle relative quote, e aver cambiato denominazione, sede e oggetto alla società, aveva stipulato un preliminare contratto di cessione delle stesse quote a favore di una 50enne (con precedenti specifici per reati tributari e già socia di una società albanese operante nel  medesimo settore del commercio di prodotti petroliferi), continuando – assieme alla donna – nella gestione societaria pur se l’amministrazione era stata formalmente posta in capo a un prestanome, anch’egli gravato da numerosi precedenti di polizia e rimasto in carica appena  due mesi. Tanto è bastato a svuotare le casse della società del capoluogo. Ciò attraverso  una serie di bonifici, privi di giustificazioni contabili, disposti per oltre un milione e  trecentomila euro a favore dell’impresa di Cerignola, costituita ad hoc pochi mesi prima e  risultata compiacente. 

Le fiamme gialle controllano un camion che trasporta carburanti (foto d'archivio).
Le fiamme gialle controllano un camion che trasporta carburanti (foto d’archivio).

Riassunta la rappresentanza legale dell’impresa scaligera, il medesimo 78enne aveva  contribuito – anche con il concorso della donna – ad incrementare ulteriormente il debito IVA nei confronti dell’Erario (mai versato), facendolo lievitare a oltre 420 mila euro. 

I finanzieri del Nucleo PEF hanno inoltre accertato che l’anziano indagato, mediante ulteriori condotte fraudolente, aveva prosciugato le risorse finanziarie dalla società anche  attraverso prelievi di contanti (oltre 76 mila euro), bonifici per oltre 40 mila euro sui suoi conti  e su quello del coniuge e “ricariche” di carte di credito nella sua disponibilità (22 mila euro circa). 

Per questi motivi, il titolare della ditta foggiana compiacente verso cui è stata fatta confluire la parte più cospicua dei proventi illeciti derivanti dall’attività distrattiva e i due amministratori della società fallita sono stati denunciati alla competente Autorità Giudiziaria  per l’ipotesi di reato di bancarotta fraudolenta aggravata. Questi ultimi e la donna dovranno anche rispondere per l’omesso versamento dell’IVA.