Escursionista ferito nella forra dell’Avello

I soccorritori devono percorrere pareti alte 400 metri per poter raggiungere l’uomo, che probabilmente ha riportato una frattura alla gamba.

Oltre 60 uomini sono impegnati nelle operazioni di soccorso per recuperare un escursionista che sabato è rimasto ferito nella forra dell’Avello a Chieti, nel parco nazionale della Majella. Il recupero, cui partecipano esperti del Corpo nazionale del soccorso alpino e speleologico, è reso particolarmente difficoltoso dal maltempo: sono ben 400 i metri di altezza delle pareti verticali di roccia da percorrere.

In cinque erano partiti ieri da Roma, equipaggiati con mute e caschi, per attraversare la forra di Selvaromana. Durante il percorso, molto probabilmente, hanno perso l’orientamento e si sono ritrovati nella forra dell’Avello, dove scorre un corrente, nel territorio del Comune di Pennapiedimonte. Uno degli escursionisti si è ferito ad una gamba e probabilmente ha riportato una frattura. (Ansa)