Eroina nascosta sotto terra: tre arresti nel Veronese

La Squadra Mobile di Verona blocca attività di spaccio nella bassa veronese: tre arresti e sequestrati un chilo e 700 grammi di eroina e 80 grammi di cocaina.

Polizia - Squadra Mobile - Sostanze stupefacenti

Da tempo gli agenti della Sezione Antidroga della Squadra Mobile stavano seguendo una coppia di spacciatori tunisini, già noti alle Forze dell’Ordine, che stavano inondando di eroina la zona della bassa veronese nei territori di Zevio, Bovolone, Cerea e Legnago.

Nel corso di numerosi servizi di appostamento è stato scoperto che i sospettati interravano in appezzamenti terreni considerevoli quantitativi di eroina per poi dissotterrare involucri preconfezionati destinati allo spaccio al dettaglio.

A carico della coppia di tunisini, interrati in un terreno in località Cerea, gli agenti hanno sequestrato due panetti di eroina del peso complessivo di 1100 grammi, nonché, in prossimità di un cartello di segnaletica stradale, un involucro contenente circa 80 grammi di cocaina

LEGGI ANCHE: Al Consorzio ZAI il Premio Verona Network 2024

Successivamente, nel pomeriggio del 20 maggio alle 16 a Cerea, gli inquirenti della Squadra Mobile hanno proceduto all’arresto di tre cittadini tunisini colti nella flagranza del delitto di concorso in detenzione ai fini di spaccio di 516,40 grammi di eroina.

Infatti, nella mattinata dello scorso 20 maggio il personale della Squadra Mobile si è appostato per monitorare gli spostamenti delle persone segnalate. Verso le 14 hanno avvistato un’auto che si è accostata a margine della carreggiata in via Guasti in località Angiari, parcheggiandosi nei pressi di un appezzamento terreno isolato, lontano dal centro abitato.

Poco dopo la stessa auto è ripartita in direzione Cerea e gli agenti hanno constatato che nell’appezzamento di terreno ove poco prima si era fermata l’auto, erano appena state scavate due grosse buche dal cui interno era stata verosimilmente dissotterrata della sostanza stupefacente.

LEGGI ANCHE: Installato a Verona un sistema di irrigazione degli alberi con sacchi di acqua

Successivamente l’auto in questione ha continuato a girare in quelle zone e poco dopo si è accertato che la stessa era stata nuovamente parcheggiata in località Angiari, nello stesso punto in cui era stata notata prima e dove erano state scavate le due buche. Il personale di polizia pertanto, si è diretto verso il campo e ha sorpreso tre uomini mentre scavavano delle buche con degli attrezzi da lavoro (badili, picconi, zappe).

Questi ultimi sono stati quindi immediatamente bloccati e identificati. È stata poi condotta una approfondita perquisizione all’interno dell’appezzamento di terreno, che ha portato al sequestro di arnesi da lavoro utilizzati per fare le buche e di un chilogrammo circa di eroina, mentre quella personale a carico di uno dei tre uomini ha portato al rinvenimento della somma in contanti di 800 euro, ritenuta provento dell’attività di spaccio.

La perquisizione è stata poi estesa anche all’interno dell’abitazione di Cerea rinvenendo, all’interno del forno della cucina, una mattonella risultata contenere gr. 516,70 di eroina e un bilancino di precisione funzionante nascosto nell’intercapedine del sottotetto al primo piano.  

Si è proceduto cosi all’arresto dei tre fermati. Al termine delle formalità di rito, su disposizione del Pubblico Ministero di turno, sono stati portati alla Casa Circondariale di Montorio a disposizione dell’Autorità giudiziaria competente per la convalida. Questa mattina il giudice ha disposto nei loro confronti di due dei tre la custodia cautelare in carcere.

LEGGI ANCHE: Zanzare: nelle farmacie veronesi il kit antilarvale a prezzo calmierato