Eletto il Consiglio Comunale dei Ragazzi di San Pietro di Morubio

Il dodicenne Giovanni Prati è il nuovo Sindaco del Consiglio Comunale dei Ragazzi di San Pietro di Morubio, con un Consiglio di 11 ragazzi, proclamati in videoconferenza lo scorso venerdì.

Il Comune San Pietro di Morubio
Il municipio di San Pietro di Morubio

Giovanni Prati, dodicenne iscritto alla 2^H della Scuola Secondaria, è il nuovo Sindaco del Consiglio Comunale dei Ragazzi di San Pietro di Morubio. In tutto i Consiglieri sono 11, sette di “maggioranza” e quattro di “opposizione”. L’età media è di 12 anni e tutti i ragazzi e le ragazze eletti sono iscritti alla Scuola Secondaria di Primo Grado “F.lli Sommariva” di San Pietro di Morubio o alle quinte della Primaria “Carlo Alberto Pasti” di Bonavicina.

Leggi anche: Villafranca, si rinnova il Consiglio Comunale dei ragazzi

A votare (rigorosamente online nel rispetto delle normative per l’emergenza Covid) sono stati 132 giovani e giovanissimi, 5 le schede nulle e 2 le bianche. La proclamazione del nuovo Consiglio è avvenuta venerdì 23 aprile scorso in videoconferenza, alla presenza degli alunni della Scuola Secondaria, delle classi quinte della Primaria, dei rispettivi insegnanti e del Vicesindaco e Assessore alla Pubblica Istruzione, Angelica Bissoli. Due le liste che hanno proposto un ricco programma elettorale e si sono confrontate con correttezza e lealtà.

LEGGI LE ULTIME NEWS

Angelica Bissoli, Vicesindaco e Assessore alla Pubblica Istruzione: «A nome dell’Amministrazione Comunale, mi congratulo con tutte le ragazze e i ragazzi: candidati, eletti ed elettori. Già a breve ci confronteremo con i nostri giovanissimi concittadini e colleghi Amministratori, non solo sul tema della scuola ma anche sull’ambiente e altri ambiti in cui i ragazzi esprimono una sensibilità fondamentale per una comunità. Il Consiglio dei Ragazzi è un’attività, tanto stimolante quanto “seria”: divertendosi, si iniziano a imparare gli strumenti e i processi della democrazia, si comincia a osservare con maggiore attenzione il proprio territorio, si comprende l’importanza del confronto all’interno delle regole e delle istituzioni».