“Diritti an-negati”, a Verona si parla dei diritti umani

diritti an-negati diritti umani

Sono passati 70 anni dal 10 dicembre 1948, quando le Nazioni Unite, durante l’Assemblea generale di Parigi, adottarono la Dichiarazione universale dei diritti umani. Oggi una decina di associazioni veronesi ha promosso un’opera di sensibilizzazione sul tema.

Una trentina di volontari si sono alternati oggi in alcuni punti strategici della città, la stazione di Porta Nuova, Porta Vescovo e l’università, per consegnare volantini e sensibilizzare pendolari, studenti e passanti sul tema dei diritti umani, con particolare attenzione alle zone del mondo in cui questi non sono applicati. “Diritti an-negati” è lo slogan scelto dalle associazioni.

“La dichiarazione rimane sempre un’ideale, c’è ancora un cammino da fare per realizzarla completamente” afferma Padre Efrem Tresoldi, direttore della rivista Nigrizia, in piazza con i volontari. “Questi diritti vengono facilmente erosi, anche nel nostro mondo occidentale, dove invece molti per fortuna sono attuati. In altre zone del mondo i diritti umani ancora oggi rimangono lettera morta”.

Particolare attenzione al tema della vendita di armi e della fuga dai Paesi in guerra. Tre le situazioni messe sotto i riflettori dalle associazioni veronesi: la crisi climatica nel Sahel, dove per mancanza di pioggia le terre diventano improduttive, le guerre e l’instabilità della Libia, dalla quale molti fuggono, e infine la situazione della regione congolese del Kivu, dove gruppi armati costringono anche donne e bambini a lavorare nelle miniere illegali di coltan e cobalto.

A conclusione della giornata, alle 18 una fiaccolata dal titolo #dirittiatestaalta con partenza da piazza Erbe insieme a Emergency e Amnesty International.

Le associazioni e i gruppi veronesi che hanno partecipato alla giornata di sensibilizzazione sui diritti umani sono il Centro missionario diocesano, Comboniani e Comboniane, il Monastero del Bene comune di Sezano, Cgil, Associazione per la pace, Anpi Verona, Movimento Nonviolento, Emmmaus, Cestim, Comunità congolese, Avvocato di strada, Associazione Paratodos, Centro pastorale immigrati di Verona.

Guarda il servizio: