Da domani vietato fumare a Verona in alcune aree pubbliche

Sarà vietato fumare a Verona alle fermate degli autobus, davanti alle scuole, e dove ci siano altre persone entro i tre metri di distanza. Il sindaco Federico Sboarina spiega: «Contagi in aumento, è una misura preventiva».

Federico Sboarina vietato fumare a Verona
Federico Sboarina, sindaco di Verona

Da domani, sabato 6 marzo, sarà vietato fumare a Verona alle fermate degli autobus, davanti alle scuole comprese quelle dell’infanzia e su tutto il territorio comunale laddove ci siano altre persone entro i tre metri di distanza.

Il sindaco Federico Sboarina ha firmato oggi la specifica ordinanza che rimarrà in vigore fino al 6 aprile. Si tratta di un provvedimento che, alla luce dell’aumento di contagi Covid nella nostra città, ha l’obiettivo di prevenirne la diffusione evitando che le persone abbassino le mascherine nei luoghi pubblici e senza il necessario distanziamento con le altre persone.

Una misura in linea con quelle già in vigore da qualche settimana che vieta, nelle giornate di sabato e domenica, di consumare bevande in piedi fuori da bar e plateatici e nei luoghi pubblici come strade, giardini, piazze dalle 15 alle 22, orario in cui scatta il coprifuoco. Il divieto vale per tutti i tipi di sigarette, comprese quelle elettroniche.

LEGGI ANCHE: Zaia: «Siamo in zona arancione, è ufficiale»

L’ordinanza: vietato fumare a Verona in alcune aree

Prevede, su tutto il territorio comunale, il divieto di fumare anche con dispositivi elettronici nel raggio di 15 metri dalla segnaletica verticale che indica le fermate degli autobus o alla stessa distanza dagli ingressi degli istituti scolastici di ogni ordine e grado, inclusi i servizi per l’infanzia, qualora in tali spazi siano presenti altre persone.

Il provvedimento prevede inoltre l’obbligo su tutto il territorio comunale del distanziamento interpersonale di almeno 3 metri, in via continuativa, tra il fumatore e ogni altra persona presente, fatti salvi plateatici e aree di somministrazione dei pubblici esercizi dove trova applicazione il distanziamento interpersonale di almeno un metro, come previsto da apposita ordinanza regionale. Il divieto vale tutti i giorni della settimana.

Il mancato rispetto delle misure è punito con una multa da un minimo di 400 euro ad un massimo di 3mila.

LEGGI LE ULTIME NEWS

Le motivazioni del nuovo testo sono state illustrate questa mattina dal sindaco Federico Sboarina. «Il contrasto alla diffusione del virus si ottiene evitando che le persone si abbassino la mascherina quando non sono da sole. Ciò avviene per mangiare e bere oppure per fumare. Ecco perché, in aggiunta al divieto di consumare bevande in piedi al di fuori dei locali, ho deciso di adottare questa nuova misura preventiva, che impone di non fumare nei luoghi pubblici più sensibili e dove è più alta la possibilità che si creino affollamenti, ma anche su tutto il territorio comunale laddove non venga garantita una distanza interpersonale di almeno tre metri».

LEGGI ANCHE: Covid-19, ogni giorno nelle farmacie veronesi individuati 10 asintomatici

«La curva dei contagi nella nostra città sta nuovamente salendo» aggiunge Sboarina. «Uno scenario che ci impone di mettere in campo tutte le misure preventive per la salute della nostra comunità contrastando l’aggravarsi della situazione e adottando quei comportamenti che, senza toglierci la libertà di fare molte cose, evitino il diffondersi de virus e delle sue varianti. La nuova ordinanza va proprio nella direzione di tutelare la salute pubblica, in un’ottica di assoluta prevenzione e legata esclusivamente al problema dei contagi. Dobbiamo metterci in testa che non possiamo permetterci di abbassare la mascherina se non ci sono le condizioni per farlo in assoluta sicurezza».

Ricevi il Daily

VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?

È GRATUITO! CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM