Croce Rossa, cominciata la campagna “Autostrade della salute”

La campagna di prevenzione di Croce Rossa è cominciata venerdì 14 agosto nell’area di servizio Povegliano ovest. A chi lo richiederà saranno misurati i principali parametri fisiologici. Venerdì 28 agosto, sabato 29 e domenica 30 si sposterà, invece, nell’area di servizio Po ovest.

I ritmi di vita sempre più frenetici non sempre offrono la possibilità di prendersi cura della propria salute come sarebbe opportuno fare e, quando si è in ferie, è difficile trovare la voglia di mettersi in coda in un centro di analisi. Di qui l’iniziativa della Croce Rossa Italiana Comitato di Mantova supportata da Autostrada del Brennero.

Un servizio gratuito di misurazione dei principali parametri fisiologici nelle aree di servizio della A22 proprio in queste giornate di grande caldo che talvolta mettono alla prova il fisico di ciascuno. «Quando parliamo di sicurezza in autostrada – commenta l’Amministratore Delegato, Diego Cattoni – noi ne diamo un’accezione molto ampia: infrastrutture moderne, manutenzioni costanti, gestione puntuale del traffico, ma anche attenzione alla salute di chi lavora e di chi viaggia».

«Per questo, in ogni area di servizio della A22, è istallato un Dae (defibrillatore automatico, ndr) e sempre per questo nello scorso biennio è stata promossa tra i dipendenti e gli autotrasportatori una campagna di diagnosi precoce della Sindrome delle Apnee Ostruttive del Sonno, una patologia che provoca una pericolosa sonnolenza diurna» continua Cattoni.

Il servizio “Higway to Health” è cominciato venerdì e proseguito sabato nell’area di servizio Povegliano ovest. Venerdì 28 agosto, sabato 29 e domenica 30 si sposterà, invece, nell’area di servizio Po ovest.

Durante queste giornate, Soccorritori con qualifica 42/120 ore Areu e Operatori Salute Cri misureranno a chi vorrà i seguenti parametri: temperatura corporea, saturazione, frequenza cardiaca, pressione arteriosa. «Non si tratta di un servizio diagnostico/terapeutico – chiarisce il Presidente del Comitato, Matteo Formizzi – ma di una semplice misurazione di parametri fisiologici che potrebbe dimostrarsi molto utile in chiave preventiva».

«Parallelamente, sarà predisposto uno stand dove diffondere la conoscenza dell’attività della Croce Rossa Italiana» continua Formizzi. «In particolare, vorremmo far conoscere meglio la figura del Volontario Temporaneo che tanto ci ha aiutato fin dall’inizio di questa emergenza sanitaria, per incoraggiare le persone ad avvicinarsi al volontariato in Croce Rossa Italiana».