Crisi di Governo. Zuliani: «Non capisco dove voglia parare Renzi»

Il senatore della Lega, intervenuto questa mattina ai microfoni di Radio Adige TV, commenta la scelta del collega senatore Matteo Renzi, leader di Italia Viva: «Penso si muove per logiche extra nazionali».

«Anche se era stato annunciato il ritiro delle ministre Bonetti e Bellanova, assieme al sottosegretario Scalfarotto, sinceramente mi sentivo un po’ come San Tommaso, non ci credevo. Mettendomi nei panni di Matteo Renzi, avrei paventato un oscuramento nei giorni immediatamente successivi all’apertura della crisi dopo tanta visibilità conquistata in queste ore». Così il senatore della Lega Cristiano Zuliani, intervenuto questa mattina ai microfoni di Radio Adige TV per commentare la mossa del collega senatore di Italia Viva.

«Ho fatto fatica a comprendere la sua mossa, e faccio tuttora fatica. Non riesco a capire dove voglia andare a parare, perché al di là della richiesta sul MES, non vedo altri elementi scatenanti di una crisi. – prosegue il senatore del Carroccio – Io penso che Renzi si muova secondo logiche extra nazionali, per arrivare a un governo che si pieghi a tali logiche.»

«Per quanto riguarda la lega, come anticipato anche dal nostro leader Matteo Salvini, quella del voto è la strada maestra. Non riteniamo possibile in rimpasto in cui potremmo entrare a far parte di una nuova alleanza con il centrosinistra».

«Che fine farà Conte? – conclude Zuliani – Non so rispondere ora. E’ partito un toto-governo dove tutti dicono la loro, è vero anche che la Bonetti ha dato disponibilità a ridiscutere una partecipazione alle forze di maggioranza, in quel caso il premier sarebbe salvo. Vedremo nelle prossime ore».