Un autolavaggio è finito sotto sequestro

Venivano smaltiti in maniera abusiva i fanghi derivanti dal sistema di depurazione del servizio di autolavaggio. Dopo le indagini condotte insieme all’ARPAV, i Carabinieri Forestali di Costermano hanno sequestrato l’impianto. Il titolare, in passato era già stato denunciato all’Autorità Giudiziaria. I rifiuti contenevano anche olii minerali e idrocarburi pesanti molto pericolosi per l’ambiente.

L’azione di scarico era prassi quotidiana, attraverso trincee nel terreno, sul confine della proprietà, che venivano riempite con i fanghi di depurazione. La loro gestione, per legge, dovrebbe essere affidata a soggetti autorizzati. Chi contravviene rischia l’arresto da semesi a due anni. La multa va da 2.600 a 26.000 euro.