Cosa c’è da sapere sul festival nazionale di teatro amatoriale che si tiene a Verona

Una proposta teatrale di altissimo livello, che racchiude generi diversi, dal drammatico all’ironico, dal riflessivo all’estroverso.  A Verona, dal 17 Febbraio al 7 Aprile, va in scena il primo “Festival Nazionale di Teatro Amatoriale”.

La kermesse è promossa da Compagnia Teatrale Micromega in collaborazione con la Federazione Gruppi Attività Teatrali, e ACEC. Sei Compagnie, provenienti da tutta Italia e selezionate tra le oltre 70 domande di partecipazione, ogni sabato alle ore 21.15 saliranno sul palcoscenico del Cinema-Teatro Santa Teresa di Tombetta (Verona).

Si comincerà sabato 17 febbraio con la commedia “Non ti pago” della Compagnia “Il Dialogo” di Cimitile (Napoli). A seguire, il 24 Febbraio “Le voci di dentro” della Compagnia “Avalon” di Battipaglia (Salerno), il 3 marzo “Il Malato” della Compagnia “S. Genesio” di Cantù (Como), il 10 marzo “Il Gioco delle Rose” della Compagnia “Costellazione” di Formia (Latina), il 17 marzo “Ben Hur” della Compagnia “Bottega dei Rebardò” di Roma, infine sabato 24 Marzo “Il metodo Grönholm” messo in scena dalla Compagnia veronese “Estravagario”. Molti i temi affrontati, alcuni di scottante attualità, valutati ogni sera da una Giuria di esperti.

Sabato 7 Aprile, serata finale di premiazioni, si esibiranno fuori concorso la Compagnia Teatrale Micromega con lo spettacolo “Piccoli crimini coniugali”.

«Siamo orgogliosi di ospitare il primo  Festival Nazionale di Teatro Amatoriale – spiega Paolo Bertolini, Presidente del Circolo culturale di Tombetta – Il livello artistico delle Compagnie che fanno teatro per passione è in costante crescita, soprattutto la qualità, il senso estetico, la preparazione di attori e tecnici. Un motivo in più per dare visibilità a coloro che, con impegno e sacrificio, si applicano nell’arte teatrale con risultati a dir poco eccellenti».

«Parlare di teatro amatoriale di filodrammatiche non significa parlare di un teatro di dilettanti, e neppure di un teatro che tenta di imitare il professionismo – afferma Fabrizio Fiaschini, Presidente Nazionale di FEDERGAT – La rassegna di teatro che andiamo a proporre si concentra sul significato più intrinseco della parola teatro, che trova la sua motivazione profonda nel piacere del gioco scenico e della scrittura collettiva; un teatro comunitario dove l’estetica della rappresentazione si fonde con l’etica della partecipazione».

Per info e prenotazioni: www.teatrosantateresa.org,  347 1114009, oppure recandosi presso la biglietteria del Cinema-Teatro Santa Teresa (orario d’apertura serale).

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.