Cooperante italiano morto a Capo Verde. Oggi l’autopsia

Verrà eseguita oggi l’autopsia sul corpo di David Solazzo, il giovane 31enne fiorentino che si trovava a Capo Verde per coordinare un progetto di cooperazione per il Cospe, una Ong di Firenze, e che è morto sull’isola di Fogo.

Il Cospe spiega che il giovane sarebbe morto in un incidente. Solazzo era arrivato a Capo Verde nel novembre scorso dove, spiega il Cospe, aveva «messo in campo la sua professionalità, la sua energia e passione al servizio delle comunità locali». Il giovane era già stato per la stessa Ong anche in Angola: era un «amico e professionista serio e appassionato». Il progetto di cui il giovane fiorentino era il coordinatore si chiama “Rotas de Fogo“, il suo obiettivo «è portare avanti azioni per il rafforzamento del turismo rurale e sostenibile nell’Isola di Fogo».

Il giovane era un agronomo ed è stato trovato morto ieri nella sua casa, come ha confermato all’Ansa il console italiano a Praia, Luigi Zirpoli, il quale ha aggiunto che le autorità stanno indagando e oggi sarà fatta l’autopsia. (Ansa)