Conte sul deficit 2019: «Sarà al 2,2%, non 2,5 come prevede l’Ue»

Conte su Tria deficit 2019

Il Premier Conte rivede in senso positivo le previsioni della Commissione Ue.

Un deficit a fine anno «al 2,2 per cento e non al 2,5 come prevede la Commissione Ue» è la previsione del premier Giuseppe Conte all’assemblea di Assonime. «Questo miglioramento è dovuto sia alle maggiori entrate tributarie e contributive per 0,17 punti percentuali di Pil sia alle maggiori entrate non tributarie (sotto forma di utili e dividendi) per ulteriori 0,13 punti».

«Tenendo conto delle previsioni economiche e delle stime del Pil potenziale della Commissione – ha proseguito il premier – un deficit del 2,2% del Pil produrrebbe un miglioramento di 0,1 punti del saldo strutturale nel 2019. Tale risultato configurerebbe un sostanziale rispetto del braccio preventivo del Patto di Stabilità e Crescita, nonché un risultato migliorativo rispetto allo stesso accordo raggiunto a dicembre con la Commissione europea». (Ansa)

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.