Cocaina, ecstasy e hashish: altri quattro arresti per spaccio nel Veronese

Gli arresti sono avvenuti in tre distinte operazioni a Oppeano, San Bonifacio e lungo l'autostrada A4.

Guardia di Finanza Verona
New call-to-action

I finanzieri del Comando Provinciale di Verona, nell’ambito delle quotidiane attività di controllo economico del territorio, mantengono alta l’attenzione per il contrasto alla diffusone di sostanze stupefacenti in diverse zone del capoluogo e della provincia. 

Hashish e cocaina nella zona cimiteriale di Oppeano

In un primo caso i “Baschi Verdi” del Gruppo di Verona, presso il cimitero di Oppeano, dopo aver notato un cittadino di origine tunisina alla guida di un motociclo che, con fare sospetto, era stato avvicinato da altro veicolo, ne hanno seguito gli spostamenti. Giunto in prossimità della propria abitazione, l’uomo è stato sottoposto a un controllo di polizia all’esito del quale sono stati rinvenuti oltre 500 grammi di stupefacente tra hashish e cocaina. La perquisizione domiciliare ha consentito di sottoporre a sequestro anche un bilancino di precisione e diverso materiale necessario per il confezionamento della droga. Su disposizione dell’Autorità Giudiziaria scaligera, l’uomo – già noto alle Forze dell’ordine per numerosi precedenti specifici – è stato tratto in arresto e associato presso la Casa Circondariale di Montorio

LEGGI ANCHE: Vandali a Cadidavid: Comune e comitato cittadini al lavoro

Perquisizione in A4

Altra attività antidroga è stata svolta la scorsa settimana dal Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Verona con l’ausilio di una pattuglia della polizia stradale. Nell’ambito di una perlustrazione delle principali arterie stradali, è stata fermata un’autovettura con a bordo due persone di origine marocchina che procedeva a velocità anomala sul tratto autostradale A4 compreso tra Peschiera del Garda e Sommacampagna. Mentre l’autovettura veniva scortata fuori dalla corsia autostradale per poter effettuare il controllo di polizia, il passeggero ha gettato dal finestrino un involucro di cellophane oltre il guardrail che, a seguito dell’esame speditivo, è risultato contenere cocaina. L’attività si è conclusa con l’arresto dei responsabili e con il sequestro dello stupefacente, di circa 1.500 euro in contanti e di due cellulari. 

Spaccio di ecstasy a San Bonifacio

La scorsa notte, infine, la Compagnia di Soave ha svolto un servizio di controllo del territorio nella zona di San Bonifacio, con l’ausilio di un’unità cinofila del Gruppo di Villafranca di Verona e della Polizia Locale, individuando un soggetto italiano in possesso di otto pasticche di MDMA (metilenediossimetanfetamina, più comunemente denominata ecstasy) suddivise singolarmente e pronte per essere spacciate. L’attività è proseguita con la perquisizione del domicilio dell’uomo dove, oltre ad alcuni grammi di cocaina, sono state rinvenute ulteriori 17 pasticche di MDMA e un bilancino di precisione. L’Autorità Giudiziaria, nel convalidare l’arresto, ha rinviato a giudizio l’imputato imponendogli l’obbligo di dimora con possibilità di uscire solo per motivi di lavoro. 

LEGGI ANCHE: Ciclovia del Sole, De Berti: «Da Verona a Valeggio in bici»

👉 VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?
👉 È GRATUITO!

CLICCA QUI

PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
👉 CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM