Clinica San Francesco: approvato il progetto di trasformazione del parcheggio a uso pubblico

Via libera al progetto di fattibilità delle opere di trasformazione del parcheggio privato temporaneo realizzato in parcheggio definitivo.

Clinica San Francesco Verona

Via libera, con 24 voti favorevoli e quattro astenuti (Bisinella, Ferrari L., Russo e Tosi B.), al progetto di fattibilità delle opere di trasformazione del parcheggio privato temporaneo realizzato in parcheggio definitivo. Intervento presentato dalla società Epifarm s.r.l. proprietaria della Clinica San Francesco e collegato al permesso di costruire rilasciato nel 2020, per l’ampliamento degli spazi dedicati all’attività sanitaria oltre all’ampliamento, su richiesta della Regione Veneto, del parcheggio posto su due livelli all’interno dell’edificio. Nel documento approvato ieri sera è inoltre prevista anche la realizzazione di una nuova strada di collegamento tra un’attuale strada privata ad uso pubblico, di proprietà della Clinica, e via Sbusa. La delibera è stata illustrata in Consiglio comunale dell’assessora alla Pianificazione urbanistica Barbara Bissoli.

«La finalità di pubblico interesse dell’intervento proposto è duplice – spiega l’assessora Barbara Bissoli –. La ditta proponente, infatti, con la realizzazione di un parcheggio più ampio e definitivo, ad uso pubblico, soddisferà la necessità dei fruitori della struttura sanitaria di poter disporre di un migliore servizio pubblico risolvendo la pregressa problematica legata al parcheggio della “Clinica San Francesco” e liberando gli stalli lungo le vie del quartiere per la cittadinanza residente e non; inoltre, la realizzazione del nuovo tratto di strada di collegamento risolverà le note problematiche dei residenti nei fabbricati esistenti su via Sbusa, che potranno disporre di un accesso più agevole e sicuro».

LEGGI ANCHE: Omicidio di Villafranca, il presunto responsabile si costituisce

L’intervento

Il duplice intervento di interesse pubblico proposto riguarda:

  • la trasformazione del parcheggio privato temporaneo realizzato in parcheggio definitivo, con ampliamento dello stesso, e sua classificazione ad uso pubblico; la superficie destinata a parcheggio sarà di circa 5000 mq (per circa 140 stalli) e il parcheggio sarà realizzato in grigliato erboso carrabile con filari alberati di mitigazione, mentre le aree di manovra e le rampe di ingresso pedonale e carrabile saranno realizzate in asfalto ad alta permeabilità; il parcheggio sarà dotato di impianto di illuminazione e di barre automatizzate per l’eventuale chiusura notturna dalle ore 22 alle ore 6.
  • La realizzazione di una nuova strada di collegamento, grazie all’apertura di un portone murato esistente, tra l’attuale strada privata ad uso pubblico e via Sbusa, lungo il percorso sterrato esistente, previo adeguamento funzionale della stessa strada privata, che sarà ceduta gratuitamente al Comune di Verona; via Sbusa, nel tratto che va dall’incrocio con via Monte Ortigara fino all’altezza del portone oggi murato è una strada pubblica larga circa due metri, confinata da alti muri in sasso a vista, difficilmente percorribile dalle auto oltre che dai mezzi di soccorso; la realizzazione di un nuovo tratto di strada in luogo del percorso sterrato consente di bypassare il primo tratto di via Sbusa, in modo da garantire un accesso meno problematico per le residenze poste a monte della stessa via, come segnalato più volte dai residenti.

Sul parcheggio e sulla strada di collegamento con via Sbusa, oggetto della presente delibera, la ditta proponente dovrà costituire il vincolo ad uso pubblico prima della presentazione della segnalazione certificata di agibilità del permesso di costruire per l’ampliamento dell’edificio della Clinica San Francesco, rilasciato nel 2020, in corso di realizzazione (art. 9, comma 1, convenzione).

LEGGI E GUARDA ANCHE: Dentro al nuovo sottopasso di via Città di Nimes a Verona

Mozioni e Ordini del giorno

  • Approvata la mozione – prima firmataria la consigliera PD Alessia Rotta -, su “Congedi paritari per la genitorialità come strumento per ridurre le diseguaglianze di genere. Un bene per la società e per il lavoro femminile”.
  • Approvato l’ordine del giorno – primo firmatario il consigliere Pd Michele Bresaola -, su “Nuovo codice della strada rispetti il Piano Nazionale per la Sicurezza Stradale 2030”.
  • Infine, approvato all’unanimità l’ordine del giorno – primo firmatario il consigliere Fratelli d’Italia Massimo Mariotti -, su “Accesso alle manifestazioni pubbliche ai consiglieri di Circoscrizione”.

LEGGI LE ULTIME NEWS