Caso Rebellin, respinta la richiesta di patteggiamento del camionista

I legali del camionista tedesco avevano aumentato di un anno la proposta di patteggiamento, a 3 anni e 11 mesi. Il gip di Vicenza ha respinto il patteggiamento.

Davide Rebellin
Davide Rebellin
New call-to-action

Respinta dal gip di Vicenza Roberto Venditti la proposta di patteggiamento presentata dai legali di Wolfgang Rieke, il camionista tedesco 63enne che il 30 novembre 2022, a Montebello Vicentino, travolse e uccise con il suo Tir il campione di ciclismo Davide Rebellin senza fermarsi per soccorrerlo. Lo rende noto l’Ansa.

La proposta iniziale di 2 anni e 11 mesi era stata aumentata ieri a 3 anni e 11 mesi dai legali. Il gip ha però comunque deciso di respingere il patteggiamento. La famiglia del ciclista si era già detta contraria a ogni patteggiamento.

LEGGI ANCHE: Occupazioni e accattonaggio molesto: a Verona 91 daspo urbani in una settimana

Al momento dell’incidente mortale, Davide Rebellin – nato a San Bonifacio nel 1971 – si era appena ritirato dal ciclismo professionistico, dopo una lunghissima carriera durata 30 anni.

Professionista dal 1992 al 2022, Rebellin ha conquistato un’Amstel Gold Race (nel 2004), tre Freccia Vallone (nel 2004, 2007 e 2009) e una Liegi-Bastogne-Liegi (nel 2004). Al Giro d’Italia del ’96 vinse la settima tappa, piazzandosi sesto nella classifica finale.

Per lui anche un oro ai Giochi del Mediterraneo e un argento ai Mondiali su strada dilettanti nel 1991, ma tante altre vittorie: dalla Classica di San Sebastian, alla Parigi-Nizza, al Giro del Veneto.

👉 VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?
👉 È GRATUITO!

CLICCA QUI

PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
👉 CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM