Caso-mensa a Minerbe, critiche dal Pd

mensa minerbe

Nella mensa della scuola elementare di Minerbe a una bambina è stato servito un pranzo con cracker e una scatoletta di tonno. I genitori non erano in regola con il pagamento della retta. Arrivano le critiche dalle sezioni provinciale e locale del Pd.

«Che giustizia è quella che umilia una bambina delle scuole elementari per la morosità dei genitori?» dicono dalla segreteria provinciale del Pd di Verona e dal Circolo Pd di Minerbe.

«L’amministrazione comunale di Minerbe, guidata dal sindaco leghista Andrea Girardi, si nasconde dietro le pieghe di una direttiva data alla società che fornisce i pasti per attuare una scelta discriminatoria nei confronti di una bambina di origine straniera i cui genitori non sono in regola con i pagamenti della mensa e la umilia servendole tonno e crackers anziché il pasto completo» dicono i dem.

«Tutelare l’infanzia è uno dei principali doveri delle pubbliche amministrazioni ed un Comune che si sottrae a questo dovere non svolge il proprio ruolo. Se ci sono famiglie che hanno difficoltà economiche le amministrazioni hanno non solo la possibilità, ma anche il dovere di andare loro incontro con esenzioni o riduzioni delle rette se indigenti ed in ogni caso non possono rivalersi sul minore, ossia sull’anello debole di tutta questa catena» continuano gli esponenti del Pd.

«Si nascondono dietro una regola e umiliano una bambina con la motivazione, indecente, di “essere corretti anche nei confronti di tutte le famiglie che pagano correttamente la mensa”. Come se non esistessero le possibilità da parte delle amministrazioni di intervenire nei casi di povertà economica. Dove sta la giustizia nel rivalersi contro una bambina e in una regola che avalla una simile discriminazione?» si chiedono.

«Il Comune provveda al più presto, sin dalla prossima seduta consigliare, a gestire tali situazioni e contemporaneamente preveda nuove misure di welfare per agevolare le famiglie in difficoltà e promuova accordi con la ditta che fornisce i pasti ad esempio incentivando la lotta agli sprechi alimentari così da creare risparmi che permettano di garantire il pasto a tutti i bambini che usufruiscono del servizio mensa» è l’appello. «Se il Comune di Minerbe intende colpire eventuali furbetti che non pagano il servizio, metta in atto le procedure di controllo che gli competono rivalendosi eventualmente sui genitori che cercano scorciatoie e non su bambini che non devono essere vittime della cecità amministrativa della Giunta».

«Umiliare una bambina o un bambino per far prevalere i propri principi di discriminazione allontana quel senso di umanità già così precario in una certa politica di oggi. Il modus operandi della Lega rimane identico: forti con i deboli, deboli con i forti» concludono dalla Segreteria provinciale Pd Verona e dal Circolo Pd di Minerbe.