Botte e minacce alla compagna, arrestato 56enne

Arrestato e incarcerato un uomo di 56 anni che da tempo picchiava e minacciava di morte la convivente. La donna, all'ennesimo episodio di violenza avvenuto a settembre, si è recata dai carabinieri sporgendo denuncia. Una volta attivata dai militari la procedura del "codice rosso", l'uomo è stato arrestato e la donna collocata in una struttura protetta.

maltrattamenti garda

I Carabinieri della Stazione di Bardolino, nella serata di ieri 16 ottobre, hanno dato esecuzione ad un’ Ordinanza di custodia Cautelare in Carcere dell’Autorità Giudiziaria di Verona nei confronti di un 56enne di origini campane, residente a Garda, per il reato di maltrattamenti in famiglia.

Il provvedimento è stato emesso a seguito della denuncia sporta dalla convivente dello stesso che, giunta all’esasperazione per i ripetuti maltrattamenti subiti, non ha potuto fare altro che rivolgersi ai Carabinieri, che hanno immediatamente attivato il “Codice Rosso”.

In particolare la donna, verso la fine di settembre, al culmine dell’ennesima violenta lite con l’uomo, si era recata dai Carabinieri e aveva riferito i numerosi episodi di violenza fisica e psichica che aveva subito nell’ultimo anno. Precisava che si verificavano soprattutto quando F.F. assumeva sostanze stupefacenti o abusava di alcol, e sfociavano solitamente con minacce di morte e insulti di vario genere, ma anche con percosse e spintoni al punto da «renderle avvilente e dolorosa la quotidiana vita», come ben precisato nell’Ordinanza.

Ricevuta la denuncia, i Carabinieri di Bardolino hanno attivato immediatamente il “Codice Rosso” previsto per tali tristi circostanze, provvedendo prima a collocare la donna in una struttura protetta, e poi ad eseguire tutti gli accertamenti atti a corroborare gli elementi forniti dalla vittima. Il quadro indiziario a carico dell’arrestato ricostruito dai Carabinieri di Bardolino, considerato il carattere violento emerso e la gravità delle azioni commesse in danno della vittima, è stato pienamente condiviso dall’Autorità Giudiziaria che ha emesso l’Ordinanza di Custodia Cautelare in Carcere a carico di F.F..

Il carattere arrogante e violento di quest’ultimo è stato peraltro rilevato da militari che si erano recati presso la sua residenza per prelevarlo e condurlo presso il Carcere di Montorio. Difatti, all’atto della notifica del provvedimento, F.F. in un primo momento si è rifiutato di seguire i militari iniziando a spaccare mobili e tutto ciò che aveva a portata di mano ma è stato comunque bloccato dai Carabinieri che a fatica sono riusciti a condurlo in caserma.

Dopo le formalità di rito, rese particolarmente difficili dall’atteggiamento ostruzionistico dell’arrestato, l’uomo è stato condotto presso la Casa Circondariale di Verona Montorio a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.