Bosco conferma Melotti. A Castelnuovo Sandrini batte Dal Cero

Le prime dichiarazioni dei sindaci neo-eletti o confermati in provincia di Verona. Tante conferme, ma anche qualche ribaltone.

Claudio Melotti (Bosco Chiesanuova) e Davide Sandrini (Castelnuovo del Garda)
Claudio Melotti (Bosco Chiesanuova) e Davide Sandrini (Castelnuovo del Garda)

Stanno ancora arrivando le ultime notizie dalle sezioni da scrutinare. Ma alcuni comuni hanno già il loro nuovo (o vecchio) sindaco. Ecco le prime dichiarazioni.

A Bosco Chiesanuova confermato Claudio Melotti, esponente di Forza Italia. «Competenze, passione e umiltà. La credibilità delle persone che compongono la nostra squadra e la serietà con cui abbiamo condotto la campagna elettorale, sono state riconosciute dai nostri concittadini. Noi non siamo stati contro qualcuno ma per tutti. Grazie a tutti e tutte coloro che ci hanno dato fiducia! Forza Bosco!» dice Melotti.

LEGGI ANCHE: DDL Autonomia, arriva il via libera della Camera: è legge

La lista “Sandrini Sindaco!” con candidato sindaco Davide Sandrini ha vinto le elezioni comunali a Castelnuovo del Garda con 2.530 voti, ovvero con il 38,83%. Il nuovo sindaco Davide Sandrini subentra a Giovanni Dal Cero e resterà in carica fino al 2029. Consulente in materia di sicurezza sul lavoro, 43 anni, Sandrini è stato per tre mandati in maggioranza, prima con il sindaco Maurizio Bernardi e poi con Giovanni Peretti, e gli ultimi cinque anni nei banchi della minoranza. La lista “Sindaco Dal Cero”, con candidato il sindaco uscente Giovanni Dal Cero, ha ottenuto 2.060 voti (31,62%), mentre la lista “Cinzia Zaglio Sindaco”, con candidato sindaco Cinzia Zaglio, ha raccolto 1.297 voti (19,91%). Infine la lista “Rete Democratica – Claudia Farina Sindaca”, con candidato sindaco Claudia Farina, ha ottenuto 628 voti (9,64%).

A Castelnuovo hanno votato 6.717 elettori, di cui 3.397 donne e 3.320 uomini, 90 le schede bianche e 122 le schede nulle. La percentuale dei votanti è stata del 62,07% (nel 2019 fu del 68,44%).

LEGGI ANCHE: Verona nelle top 200 università al mondo per parità di genere