Beccato motociclista che aveva investito i coniugi: “Ero di fretta”

Il "pirata" è un 50enne accusato di omissione di soccorso. Aveva anche provato a far sparire la moto nascondendola sotto a sacchi neri.

Polizia locale
Foto d'archivio
New call-to-action

Individuato i motociclista pirata che era fuggito dopo aver travolto una coppia di anziani a San Giorgio, non si è fermano dopo aver atterrato i due coniugi che sono stati trasferiti in ambulanza all’ospedale e dimessi con 20 e 10 giorni di prognosi.

Il personale del Nucleo Infortunistica della Polizia Locale in meno di dieci giorni ha individuato il motociclista grazie all’intensa attività di verifica delle numerose telecamere cittadine da parte degli agenti ha permesso di individuare il veicolo. La moto è stata ritrovata ritrovata in via Cristofoli nascosto da sacchetti neri e privo di alcune parti trovate sul luogo del sinistro come il cupolino e gli specchietti retrovisori.

Messo alle strette l’uomo, un cittadino 50enne, ha confermato le proprie responsabilità, motivando la mancata assistenza ai feriti “perché aveva fretta di andare al lavoro”. È stato così denunciato alla Procura della Repubblica per fuga e omissione di soccorso, reati gravi che porteranno ad una lunga sospensione della patente di guida, ora ritirata dal Nucleo Infortunistica.