Beccato due volte: 32enne in carcere per spaccio

Era agli arresti domiciliari per spaccio ma aveva ottenuto il permesso di andare a lavorare, invece impiegava quelle ore per vendere ancora cocaina.

Polizia

È finito ieri in carcere il 32enne albanese che, lo scorso 21 agosto, era stato arrestato dagli agenti della Squadra Mobile perché trovato in possesso di circa 51 grammi di cocaina. L’uomo, già pregiudicato era agli arresti domiciliari sorvegliato dalla Polizia di Stato tramite braccialetto elettronico.

Qualche mese dopo l’arresto, aveva ottenuto l’autorizzazione ad allontanarsi dalla propria abitazione durante il giorno per motivi di lavoro ma, dalle indagini dei poliziotti, è stato beccato ancora a trafficare ancora cocaina. Lo scorso mercoledì 8 maggio, infatti, è stato sorpreso dagli agenti della Squadra Mobile proprio mentre spacciava in pieno centro storico

Quindi, una volta a casa, è scattata la perquisizione: trovate 76 dosi di cocaina preconfezionate del peso complessivo di circa 66 grammi, oltre ad un bilancino di precisione perfettamente funzionante. Il 32enne è quindi finito nuovamente in manette con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente: ieri pomeriggio, dopo aver convalidato l’arresto, il giudice ha disposto il carcere.