Basso Acquar, primo incontro per la rigenerazione urbana

incontro rigenerazione urbana basso acquar

Da area industriale dismessa a modello di rigenerazione urbana. Questo l’obiettivo con il progetto “iWrecks” sulla zona di Basso Acquar.

Primo incontro, questo pomeriggio a palazzo Barbieri, tra l’assessore all’Urbanistica Ilaria Segala e i proprietari degli immobili di Basso Acquar per presentare il progetto iWrecks, che ha per capofila l’Università di Padova. Presente anche il presidente della 5ª Circoscrizione Raimondo Dilara e il team di ricercatori universitari.

L’obiettivo del progetto, che è finanziato dalla Regione Veneto attraverso il Fondo Sociale Europeo, è quello di accendere i riflettori su aree urbane in cui insistono beni immobiliari dismessi (wrecks sta per relitti), con l’obiettivo di delineare strategie in grado di dar loro nuova vita e renderli attrattivi.

«L’iniziativa – ha spiegato l’assessore Segala – si affianca al censimento delle aree dismesse, già attivo on line, che l’Amministrazione ha lanciato in previsione della Variante 29. In questo caso, però, il team di ricercatori è chiamato a studiare aree industriali, oggi abbandonate o sottoutilizzate, per elaborare scenari e progetti pilota in grado di attrarre gli investitori. Attraverso il lavoro dei tecnici, che sono ingegneri, urbanisti e architetti, si definiscono strategie di rigenerazione urbana e si individuano le potenzialità di questi spazi. È un modo per sviluppare la riconversione complessiva dell’area e per aiutare le proprietà a mettere in vetrina i propri immobili a favore di chi vuole investire. Questo tavolo di confronto può essere utile per raggiungere i nostri obiettivi».

Il gruppo di ricercatori, provenienti dall’Università di Padova, dallo Iuav di Venezia e dall’Università di Lisbona, è già attivo nello studio di altre realtà industriali dismesse della nostra regione. «Nel Veneto, è presente un patrimonio immobiliare industriale improduttivo e abbandonato – ha detto il professor Luigi Stendardo, responsabile del progetto iWrecks – che spesso viene percepito come zavorra per lo sviluppo. Per noi, invece, è un patrimonio dalle potenzialità inespresse che possono essere riattivate creando progetti pilota, senza consumare nuovo suolo e attraverso sostenibilità ambientale e riciclo di materiali».