Avesa, in attesa del ponte si pulisce il progno

Alberto Bozza e Flavio Tosi, assieme ai consiglieri di circoscrizione della stessa area politica, sollecitano la giunta Tommasi a realizzare l'infrastruttura in Via Camposanto, nel frattempo plaudono a Genio civile per l'opera di pulizia del torrente.

Il letto ripulito del progno di Avesa.
Il letto ripulito del progno di Avesa.
New call-to-action

I cittadini di Avesa hanno raccolto oltre duemila firme per sollecitare la precedente amministrazione comunale a realizzare il ponte in Via Camposanto che collegherebbe le due parti oggi isolate della frazione. Appelli caduti nel vuoto, mai stati raccolti.

L’ultimo e l’unico atto che è stato approvato in Consiglio Comunale è stato un Odg presentato da Alberto Bozza che chiedeva di inserire nel bilancio di previsione 2022-24 lo studio di fattibilità del progetto.

Dal 2018, sia in Consiglio comunale, Bozza e Flavio Tosi, che in Seconda Circoscrizione con i Consiglieri Patrizia De Nardi e Massimiliano Barbagallo, hanno presentato atti ufficiali per chiedere la costruzione del ponte.

In campagna elettorale il neo Sindaco Tommasi aveva promesso la realizzazione del ponte stesso e ora attendiamo i fatti. (Tosi aveva assicurato l’approvazione del progetto entro i primi 100 giorni in caso fosse diventato Sindaco).

«Nel frattempo il nostro confronto con i cittadini di Avesa e della Seconda Circoscrizione continua tuttora a tal punto che anche nelle scorse settimane abbiamo chiesto un intervento di pulizia del letto del progno di Avesa e di altri tratti lungo i corsi d’acqua dei nostri quartieri (Quinzano e Ponte Crencano)» spiega Bozza.

Infatti nelle scorse ore sono iniziati, proprio partendo dalla zona dove dovrebbe sorgere il tanto atteso ponte, i lavori di pulizia ad opera del Genio Civile, che ringraziamo, con lo sfalcio delle sterpaglie e la rimozione di diversi rifiuti abbandonati. Un intervento che proseguirà a nord e a sud e che non solo mette in sicurezza i quartieri interessati da possibili esondazioni in caso di forti e abbondanti piogge, ma che li toglie pure dal degrado e dalla sporcizia.

Alberto Bozza
Alberto Bozza