Avanzo di bilancio da 16 milioni: pronta la lista di interventi

E’ una corsa contro il tempo, ma la lista è pronta. Ieri in giunta comunale il sindaco Sboarina ha presentato il programma di interventi da realizzare, entro il 2019, grazie ai 16 milioni di avanzo di bilancio sbloccati dal Governo. La priorità sarà concessa a strade, giardini, marciapiedi e piste ciclabili, ma tra i lavori spicca anche la riqualificazione dell’Arsenale e l’adeguamento del Bentegodi.

I progetti devono essere pronti entro fine novembre e i cantieri devono partire già nel 2019. Queste le condizioni imposte dal Governo al comune di Verona per spendere i 16 milioni di avanzo di bilancio che, secondo la Corte Costituzionale, possono essere usati nonostante il vincolo del Patto di stabilità. Ma quali sono gli interventi da realizzare in città?

A questa domanda ieri il sindaco Sboarina, insieme al vicesindaco Zanotto e agli assessori Toffali e Padovani, ha dato una risposta presentando in giunta comunale i punti principali del programma di interventi. In lista, tra le priorità, le strade, i marciapiedi, la segnaletica, i semafori e i giardini, che riceveranno in tutto 7 milioni di fondi.

Anche le piste ciclabili rientrano nel piano dei lavori: saranno infatti realizzati due nuovi percorsi (da Porta Palio a Poiano e da Quinto a Poiano) e rimessi in sesto quelli già esistenti. Uno occhio di riguardo anche per i ponti e i sovrappassi (400mila euro) e per la sicurezza cittadina, con i pilomat e le barriere antiterrorismo che richiederanno 300mila euro. Un milione circa arriverà anche alla Biblioteca civica, mentre 800mila sono destinati alla sistemazione delle Mura Magistrali. Da notare anche l’avviato progetto di abbattimento delle barriere architettoniche, tra cui anche l’installazione dell’ascensore per il Museo Archeologico del Teatro Romano, che conteranno 640mila euro in tutto.

Già in programma anche la riqualificazione del parco giochi di via Colombara, a Santa Lucia e gli interventi in Arena. E ancora la sistemazione del Palasport con un nuovo parquet e l’adeguamento dello stadio Bentegodi alle normative vigenti (450mila euro). Infine attesa anche la progettazione dei lavori nell’ex Arsenale austriaco.