Risparmio tradito, oltre 200 al convegno di Adiconsum

Oltre 200 i  veronesi che si sono riuniti martedì in sala Lucchi all’incontro organizzato da Adiconsum Verona per un aggiornamento in merito alla questione dei diamanti da investimento. Clima di grande apprensione da parte dei risparmiatori. L’assemblea è stato un incontro di aggiornamento a seguito del provvedimento Antitrust che ha multato le società Idb e Dpi e alcuni istituti bancari.

Di fronte alla platea, che si è riunita martedì alle  18.30 nella sala Lucchi  di  Piazzale Olimpia, 3, il  presidente Adiconsum Verona,  Davide Cecchinato ha esordito dicendo: «Continuano gli incontri con il Banco Popolare da parte dell’Associazione per trovare una soluzione stragiudiziale ai numerosi risparmiatori che si sono rivolti all’Adiconsum. Ad oggi le proposte di rimborso del Banco sono giudicate dagli interessati non congrue. Sebbene si apprezzi la modalità concreta di gestione delle trattative, è opportuno aumentare le proposte di rifusione – ha sottolineato – Ad oggi riteniamo utile continuare il confronto col Banco per tentare di ottenere il miglior risultato possibile in tempi brevi. Certo è che se le proposte non saranno riviste ci vedremo costretti ad utilizzare altri strumenti per ottenere il risultato non escludendo il ricorso ad altre forme, anche giudiziali, di tutela».  Al tavolo dei relatori anche Carlo Battistella, Iacopo Cera e Silvia Caucchioli, gli avvocati dell’associazione.

Al termine dell’incontro, un’investitrice di diamanti, sostenuta dalla maggior parte dei presenti, si sarebbe detta pronta a cambiare banca se non si raggiungeranno i risultati auspicati.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.