Nubifragio in città, si torna alla normalità

Dopo l’incredibile nottata di pioggia e grandine, Verona sta tornando alla normalità: Amia sta affrontando l’emergenza per ripulire le strade e riordinare i punti critici, con interventi mirati in diversi punti della città.

A seguito dell’uragano che ha coinvolto ieri sera gran parte della città, Amia sta fronteggiando una situazione di emergenza per ripulire il territorio e ripristinare una situazione di normalità.

“Per questo motivo – afferma il Presidente Andrea Miglioranzi – abbiamo attivato un completo monitoraggio sulla situazione dei danni provocati dal nubifragio di ieri sera. Sono presenti ed attivi tutti i mezzi aziendali e tutto il personale addetto (giardinieri e netturbini) nelle zone di massima criticità del territorio, per intervenire nello sgombero e nel recupero di tutti i materiali che ingombrano strade e marciapiedi.”

Le zone critiche: tangenziale nord in entrambe le direzioni (smottamento ghiaia e terriccio sulle carreggiate), Corso Portoni Borsari (rigurgito fognario), via Monte Pignolo (allagamento e smottamento), via Mameli all’incrocio con via Sirtori (olmo abbattuto da recuperare), Tomba di Giulietta (discreta quantità di rami da raccogliere), scuola materna via Di Cambio (caduto albero di tulipani), via Atleti Azzurri d’Italia (spezzati rami di tiglio che sono davanti al palazzetto), via Villa Cozza (sbrancato un albero di Giuda), Teatro Romano (ieri sera c’erano i Momix e si è sradicato un cipresso che è rimasto sospeso in orizzontale sui ruderi romani), davanti al cimitero in via Torbido (cipresso sradicato e carpino piramidale sbracato), scuola elementare Ciliegi a S. Lucia (caduto albero di Giuda), Madonna di Dossobuono area verde (sradicato un giovane cedro dell’Himalaya), rami rotti sparsi dappertutto: zona stazione, zona stadio, piazza Bra, circonvallazione Galliano e poi in Valpantena fino a Poiano.

Mezzi impiegati: spazzatrici, ruspe, autospurghi, motoseghe, piattaforma aerea, automezzo con la benna a polipo (ragno).

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.