Mobility Day. Tosi: “Provvedimento inutile”

Flavio Tosi

Critico Flavio Tosi nei confronti dell’assessore Ilaria Segala per la scelta di portare avanti anche quest’anno il Mobility Day. Secondo l’ex sindaco di Verona, intervenuto oggi a margine della presentazione della nuova giornata della mobilità sostenibile dell’11 novembre, questa iniziativa sarebbe soltanto un allargamento della ZTL che crea traffico, disagi ai cittadini e problemi di parcheggio nei quartieri limitrofi al centro città. “Occorrerebbe concentrarsi di più – ha spiegato Tosi – sulla realizzazione di nuove aree verdi”

Tosi ha poi commentato le parole della Segala sul blocco euro 3 pronunciate sempre in occasione della conferenza stampa odierna sul prossimo mobility day: “L’assessore – dice Tosi – ha ammesso che il blocco ai veicoli euro 3 non serve a nulla se non lo attuano tutti i Comuni della provincia. E dicendo questo ha riconosciuto che non c’è una norma superiore e coattiva della Regione che obbliga a deliberare quel provvedimento sciagurato. Cade così per stessa bocca della Segala l’alibi di Sboarina, che ha sempre scaricato la scelta sulla Regione Veneto, che in realtà ha proposto una direttiva d’indirizzo non obbligatoria. Infatti la mia amministrazione negli anni scorsi a quella stessa direttiva si è sempre ribellata, ben conscia dei disagi che avrebbe scatenato sulle fasce di popolazione più deboli che non possono permettersi di cambiare auto. E lo stesso hanno fatto molti Sindaci della provincia, che giustamente non hanno accolto la direttiva regionale”.

L’ex sindaco ringrazia la Segala quando dice che “la qualità dell’aria a Verona è costantemente migliorata negli ultimi anni”. “Riconosce – dice Tosi – il lavoro della mia amministrazione al riguardo. Nei nostri dieci anni grazie alla collaborazione pubblico-privato abbiamo per esempio realizzato parchi pubblici per oltre 240 mila metri quadrati e anche questo è concretamente utile per migliorare l’aria e l’ambiente. E siamo riusciti a ottenere risultati senza provvedimenti inutili e ridicoli come il blocco dei veicoli euro 3 o il mobility day”.