Agsm-A2A, Vanzetto (M5s): “Operazione a spese dei cittadini”

marta vanzetto

“Un’operazione economica molto grave che celerebbe in realtà una strategia politica tutta leghista mirata a salvare la Ascopiave, colosso dell’energia del Triveneto usato da anni come bancomat e poltronificio per i notabili locali del partito”. È il commento della capogruppo M5S in Consiglio Comunale Marta Vanzetto ad intervenire sulla notizia del presunto accordo tra Agsm e A2A.

“La gestione leghista infatti – continua la Vanzetto – ha maturato circa 55 milioni di euro di debiti che devono essere riappianati. Operazione furba, non fosse che a farne le spese saranno i cittadini veronesi, gli utenti di Agsm e i suoi dipendenti, che rischiano di essere risucchiati in una realtà scollegata dal territorio e dalla poco salubre situazione economica. Ascopiave del resto solo 5 mesi fa cercava di vendersi senza successo a Green Network, quarta realtà nazionale nella vendita di energia elettrica e gas.”

“È l’ennesima prova – conclude la consigliera – di come  per l’amministrazione Sboarina, dopo l’immondo teatrino della nomina prima e delle dimissioni poi del CdA e di Croce, Agsm conti esclusivamente come scatola di interessi e non come importante realtà economica veronese”.