Federmanager Verona, protagonisti del domani

Venerdì 10 giugno l’Hotel Due Torri ha ospitato l’assemblea annuale di Federmanager Verona. A seguito dell’assemblea si è tenuto il convegno “I servizi per i manager e i professionisti di oggi”: come dichiara il presidente Cicolin, è necessaria una nuova figura di manager, in grado di guardare al futuro e all’internazionalizzazione.

Si è tenuta lo scorso venerdì l’assemblea ordinaria dei soci di Federmanager Verona, che ha visto intervenire il presidente Gianfranco Cicolin, che ha presentato e approvato il bilancio consuntivo del 2015. L’assemblea è stata anche l’occasione per la consegna delle benemerenze ai dirigenti iscritti da 50 e 25 anni.

Come dichiara il presidente «C’è fiducia per il 2016, anche se il 2015 è stato un anno difficile siamo riusciti ad arrivare ai risultati che ci eravamo prefissati. Il 2016 si presenta con qualche difficoltà ma anche con alcune opzioni che ci fanno intravedere soluzioni interessanti, per Federmanager ma anche per l’economia in generale».

A seguito dell’assemblea, si è tenuto il convegno aperto al pubblico “I servizi per i manager e i professionisti di oggi”, nella sede dell’Hotel Due Torri.

«Noi di Federmanager stiamo lavorando per un manager diverso da quello di adesso, un manager in grado di guardare al futuro e all’internazionalizzazione e riconoscere che i competitor sono cambiati: è necessario un manager in grado di competere a questo livello», spiega ancora Gianfranco Cicolin.

Al convegno sono intervenuti:

Marco Rossetti, Direttore Generale di Assidai

Salvatore Carbonaro, Presidente di Praesidium

Helga Fazion, Presidente di Federmanager Academy

Sergio De Simoi,  Vice Presidente di Previndai

Eros Andronaco, Vicepresidente Nazionale Federmanager