Esercente del centro (recidivo), sanzionato dalla Polizia Municipale

centro

La sanzione per occupazione non autorizzata di suolo pubblico. Non era la prima volta che accadeva

Ha posizionato per l’ennesima volta sedie e tavolini all’esterno del suo locale, occupando per intero il marciapiede e obbligando i pedoni a camminare sulla strada. Per questo fatto un esercente del pieno centro storico di Verona è stato sanzionato ieri sera dagli agenti della Polizia Municipale. Si tratta di un’osteria già oggetto di alcuni esposti e per questo già controllata dai vigili in passato.

Anche nell’ultimo intervento infatti, effettuato nel mese di maggio, gli agenti avevano rilevato la presenza non autorizzata di tavolini e sedie irregolari, sempre per lo stesso motivo.

A seguito del controllo di maggio, il settore Commercio del Comune aveva emesso un’ordinanza di sgombero al titolare dell’attività, senza però che venisse rispettata. Un’altra occupazione abusiva è stata riscontrata dagli agenti a fine luglio, con conseguente rimozione coattiva di sedie e tavolini ai primi di agosto.

Ieri sera, in occasione dell’ennesimo controllo, la Polizia municipale ha accertato che gli arredi erano stati nuovamente acquistati e riposizionati in modo irregolare: è scattata pertanto una nuova sanzione per l’occupazione abusiva di suolo pubblico.

Ora il settore Commercio sta emanando un’altra ordinanza di sgombero, con l’avvio di un nuovo iter amministrativo. Dai controlli è emerso che l’esercente non è nuovo a questo tipo di comportamenti e che nel passato ha accumulato violazioni analoghe per alcune migliaia di euro, per le quali i procedimenti sono ancora aperti.  In casi come questo, oltre alla sanzione per l’occupazione di suolo pubblico prevista dal codice della strada e alla violazione dell’ordinanza di sgombero non rispettata, l’esercente risponde anche del pagamento dell’ indennità per l’occupazione di suolo pubblico prevista per trenta giorni, maggiorata del 50% a titolo di sanzione.