Arsenale, saranno rifatte tutte le coperture

arsenale

Al via la progettazione delle coperture e l’indagine sismica dell’ex Arsenale asburgico. L’intero complesso avrà una nuova copertura entro i prossimi anni

Con oggi parte la prima fase di controllo sulla vulnerabilità sismica dell’ex Arsenale asburgico. “Uno studio che non era mia stato fatto prima”, ha spiegato l’assessore all’Urbanistica Ilaria Segala questa mattina, nel corso del sopralluogo in quella che sarà la corte dell’Accademia. Saranno quindi necessari 72 giorni per presentare il progetto dei lavori, poi altrettanti per concludere la seconda fase, quindi per presentare la gara d’appalto. In particolare verranno effettuate la diagnosi energetica degli edifici e la diagnosi acustica, in modo da aprire il prima possibile i cantieri, che prevedono anche la riqualificazione di tutte le coperture del complesso, pari a circa 20 mila metri quadrati.

“C’è un progetto aggiudicato, ci sono le impalcature, entro l’anno vedremo quei cantieri che si aspettano da almeno vent’anni. Questi sono fatti concreti, soldi già investiti, a cui le chiacchiere e le sciocchezze stanno a zero – ha detto il sindaco -. Questa è in assoluto la prima opera pubblica su cui abbiamo lavorato, vista l’importanza che riveste per la rigenerazione e lo sviluppo di questo quartiere della città. Da qui non si torna più indietro, per un recupero dell’arsenale che rimarrà in mano pubblica e quindi di proprietà dei cittadini. Le fondamenta su cui abbiamo lavorato nei mesi scorsi cominciano ad alzarsi, la Verona del futuro comincia a prendere forma. Penso all’Arena, interessata da lavori per 14 milioni di euro, al progetto di riordino della Casa di Giulietta, al restauro di Porta Nuova. Ma anche ad una serie di cantieri per migliorare strade e piazze cittadine, con interventi che solo per quest’anno ammontano a 5 milioni di euro”.

“Vogliamo davvero che i cittadini si rendano conto di cosa sta accadendo in questo luogo – ha aggiunto l’assessore Segala -. Ecco perché stiamo pensando ad una sorta di punto informativo, che potrebbe diventare di interesse anche per i turisti o per chi viene da fuori città. Bene l’economia sui costi, che ci permette di ampliare la progettazione alle coperture di tutte le palazzine, per un progetto più completo e più appetibile al momento della gara”.

L’importo previsto per la progettazione è di circa 800 mila euro.