Arrestati due studenti a Venezia e Verona: rapinarono un cameriere a Torri del Benaco

Due studenti universitari, una 21enne di Mestre e un 26enne di Verona, lo scorso 11 febbraio aggredirono e rapinarono un cameriere a fine turno a Torri del Benaco. Ora sono ai domiciliari.

Carabinieri - Torri del Benaco
Controlli sulla Gardesana Orientale dei Carabinieri di Torri del Benaco (Foto d'archivio)

Nella prima mattinata del 15 maggio, i Carabinieri della Stazione di Torri del Benaco, in collaborazione con quelli delle Compagnie di Venezia Mestre e Verona, hanno arrestato due giovani, una 21enne e un 26enne studenti universitari, entrambi italiani e residenti nei comuni di Venezia-Mestre e Verona, in esecuzione ad ordinanza di applicazione di misure cautelari personali emessa dal GIP del Tribunale di Verona.

LEGGI ANCHE: DDL Autonomia, arriva il via libera della Camera: è legge

Il provvedimento trae origine da un’indagine condotta dai Carabinieri di Torri del Benaco, sotto la direzione della Procura della Repubblica di Verona, a seguito di una violenta aggressione avvenuta lo scorso 11 febbraio nei confronti di un cameriere 29enne, di origine eritrea, colto di sorpresa alla fine del proprio turno di lavoro. L’uomo è stato bloccato e colpito più volte dagli aggressori al fine di rapinargli tutti gli oggetti personali di cui era in possesso, per poi darsi alla fuga.

LEGGI ANCHE: Verona nelle top 200 università al mondo per parità di genere

Le indagini compiute hanno permesso di ricostruire l’evento e comporre un consistente quadro indiziario a carico degli indagati che, condiviso dall’Autorità Giudiziaria scaligera ha portato il G.I.P. presso il Tribunale di Verona a emettere una ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari. I due giovani, concluse le formalità di rito sono stati sottoposti agli arresti domiciliari presso le proprie abitazioni di Mestre e Verona, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

LEGGI ANCHE: Idee per l’ex Seminario di San Massimo: svelate le tre proposte vincitrici