30 anni di volontariato, il 1° ottobre a Verona il focus di CSV

Si svolgerà il 1° ottobre alle ore 9.00 all'Ospedale di Borgo Trento il convegno con tavola rotonda del Centro di Servizio per il Volontariato di Verona che mette al centro la riflessione su welfare, benessere delle comunità, ripartenza attraverso la collaborazione tra non profit, enti pubblici ed attori del territorio.

A 30 anni dall’entrata in vigore della prima normativa nazionale sul volontariato e a 5 dal Codice del Terzo Settore che riposiziona al centro il valore del volontariato e delle collaborazioni per il benessere collettivo, sabato 1° ottobre a partire dalle 9.00 in Sala Marani (presso l’Ospedale di Borgo Trento) si terrà il convengo dal titolo “30 anni di volontariato: cos’è cambiato e dove andiamo?”.

Roberto Veronese, presidente CSV Verona.
Roberto Veronese, presidente CSV Verona.

Un appuntamento organizzato dal Centro Servizi Volontariato di Verona, presieduto da Roberto Veronese, per proporre uno spazio aperto a quanti cercano un’ispirazione per affrontare questi tempi nuovi e complessi, a chi ha dedicato anni di energie all’operare volontario e sente il bisogno di nuovi stimoli, a chi nella cittadinanza attiva trova la sua sfida costante e non ha mai perso l’entusiasmo, a chi vede nel volontariato di oggi e di domani un modello per custodire e curare le relazioni sociali, a chi magari vive un momento denso di interrogativi da condividere con la grande famiglia dei volontari.

La centralità del volontariato e dell’azione volontaria pervade tutto il nuovo impianto del Terzo settore, come delineato dalla Riforma. Ma ci sono anche le fatiche dell’uscita dalla pandemia e della lenta attuazione della Riforma, che richiedono a tutti un impegno per ribadire l’importanza di sostenere il volontariato. Non da ultimo, il tema dell’azione civica e sociale come collaborazione tra attori diversi: Terzo settore e volontariato, pubbliche amministrazioni, cittadini e donatori. Quali gli approcci e gli spunti di sana collaborazione per creare una comunità d’intenti e un cambiamento culturale che sappia coinvolgere tutti gli attori?

Chiara Tommasini, presidente Csv Net.
Chiara Tommasini, presidente CSVnet.

L’Azienda sanitaria scaligera ULSS9 e la Conferenza dei Sindaci, il Comune di Verona, Fondazione Cariverona, l’Università di Verona patrocinano l’evento e porteranno, oltre ai saluti istituzionali, le loro riflessioni e il loro progetti per il territorio.

Ad aprire il convegno, dopo i saluti delle istituzioni, Chiara Tommasini, da luglio 2021 Presidente di CSVnet, l’associazione nazionale dei Centri di Servizio per il Volontariato. Non poteva che essere l’esperienza competente ed entusiasta di Chiara, che noi veronesi abbiamo avuto la fortuna di conoscere di persona, ad aprire questo momento.

Seguono Luca Gori, docente di diritto del Terzo settore presso l’Università di Pisa e Luciano Gallo, referente contratti pubblici e innovazione sociale del diritto del Terzo settore di ANCI Emilia-Romagna. Sarà poi il momento di una tavola rotonda di approfondimento su esperienze veronesi di co-progettazione tra istituzioni diverse e Terzo settore per il bene comune.

Iscrizioni
Iscrizione obbligatoria a questo link oppure contattando la segreteria del CSV (info@csv.verona.it; 045 8011978)

Ricevi il Daily! È gratis

👉 VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?
👉 È GRATUITO!
👉 CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI
PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
👉 CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM

radio adige tv