Riapre la storica osteria La Coopera 1945 di Arbizzano

Spazi completamente rinnovati ma anche un nuovo progetto sociale e culturale, che ne farà un luogo accogliente e inclusivo, promotore di cittadinanza, al servizio della comunità e del territorio. Dopo l’inaugurazione di sabato 11, riprenderà la sua attività lunedì 13 maggio.

A gestirla sarà Azalea, cooperativa sociale veronese che da oltre 25 anni è attiva con servizi e progetti negli ambiti delle cure primarie, dell’educazione e della cultura, dell’inclusione. Proprietaria dell’immobile è la Cooperativa Arbizzano. Il progetto originario è nato 70 anni fa per rispondere all’esigenza della popolazione della Valpolicella di approvvigionarsi dei beni di prima necessità, in un contesto sociale ed economico ancora sconvolto dal conflitto.

Dopo la festa di inaugurazione di sabato 11 maggio, l’osteria riprende dunque l’attività proponendosi di coniugare insieme tradizione e innovazione. Accanto a un menu attento ai diversi target, che vuole unire generazioni diverse (pranzi, cene, aperitivi e “cicchetti” nella migliore tradizione veronese), la proposta di gastronomia per asporto, pensata in particolare per le persone anziane o sole, ma pure per chi non ha tempo per cucinare.

Alla base di tutto, una scelta precisa di qualità delle materie prime e al contempo di sostegno ai produttori locali, sposata a una filosofia dei prezzi che li vuole sostenibili e accessibili. I prodotti utilizzati sono di prossimità e bio, il menu propone anche piatti della cucina veneta accanto ad alcuni vegetariani e vegani, la carta dei vini predilige cantine del territorio.

L’osteria sarà anche un luogo di incontro, di arte e di cultura. Ospiterà infatti appuntamenti tematici, nonché eventi musicali e teatrali, valorizzando l’ampia corte esterna. E ancora, La Coopera 1945 sarà impegnata a promuovere un approccio consapevole e critico al consumo e una cultura del cibo sano, equo e sostenibile. Diventerà punto di riferimento e di distribuzione per il Gaspolicella, il gruppo di acquisto solidale del territorio, i cui prodotti figureranno tra le materie prime del menu dell’osteria.