L’Italia espelle 30 diplomatici russi

«Ragioni legate alla sicurezza nazionale» sono alla base dell'espulsione decisa dal Governo italiano nei confronti di 30 diplomatici russi.

Luigi Di Maio
Luigi Di Maio, Ministro degli Esteri

Trenta diplomatici russi espulsi per «sicurezza nazionale»

Il Segretario Generale del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Ambasciatore Ettore Francesco Sequi, ha convocato questa mattina alla Farnesina, su istruzione del Ministro Luigi Di Maio, l’Ambasciatore della Federazione Russa in Italia, Sergey Razov, per notificargli la decisione del Governo italiano di espellere 30 diplomatici russi.

LEGGI ANCHE: Tommasi, l’investitura a Palazzo Barbieri: le foto

«Tale misura, assunta in raccordo con altri partner europei e atlantici, si è resa necessaria per ragioni legate alla sicurezza nazionale, nel contesto della situazione attuale di crisi conseguente all’ingiustificata aggressione all’Ucraina da parte della Federazione Russa» recita la nota della Farnesina.

LEGGI ANCHE: Tommasi day, ora si comincia: «Un futuro da scrivere insieme»

Ricevi il Daily! È gratis

👉 VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?👉 È GRATUITO!👉 CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
👉 CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM

radio adige tv