Banca Valsabbina, misure a sostegno di imprese e famiglie in difficoltà

Banca Valsabbina in questi giorni ha attuato tutte le misure necessarie ad assicurare la continuità operativa dei propri servizi. Sono state attivate misure a sostegno di imprese e famiglie in difficoltà, per tutelare i clienti over 65 e 300mila euro sono stati donati agli ospedali bresciani.

banca valsabbina

Banca Valsabbina in questi giorni ha attuato tutte le misure necessarie ad assicurare la continuità operativa dei propri servizi, garantendo nel contempo la sicurezza e la salute di lavoratori e clienti. È stato attivato un piano straordinario di smart working ed è stata prevista la dislocazione operativa di un nucleo di lavoratori nella sede di Vestone o in altre sedi secondarie.

Eventuali temporanee chiusure di filiali finalizzate alla sanificazione degli ambienti saranno tempestivamente comunicate alla clientela e avranno comunque una durata limitata.

Per quanto riguarda le misure creditizie a sostegno dei territori colpiti dall’emergenza sanitaria, Banca Valsabbina aderisce alla moratoria Abi per le Pmi, che prevede la sospensione della quota capitale delle rate dei finanziamenti per un periodo di 12 mesi. Oltre a quanto previsto dall’accordo Abi, i gestori e i responsabili delle filiali della Banca Valsabbina sono a disposizione di tutti i clienti, aziende e famiglie, per valutare l’entità delle eventuali difficoltà contingenti e attuare le misure necessarie.

La Banca consiglia altresì alla propria clientela di utilizzare il più possibile gli strumenti elettronici a disposizione quali Home Banking, Carte di Debito e di Credito, e garantisce prelievi di contante presso tutti gli Atm presenti sul territorio nazionale, di qualsiasi Istituto, senza l’applicazione di commissioni.  

Contestualmente, al fine di ridurre l’accesso agli sportelli favorendo l’utilizzo degli Atm, l’Istituto si impegna a tutelare la propria clientela over 65 attivando da subito Carte di Debito con canone gratuito per 12 mesi. Banca Valsabbina ha deciso inoltre di aderire alla campagna di crowdfunding #aiutiAMObrescia con una donazione di 300mila euro alla Fondazione Comunità Bresciana Onlus, che destinerà i contributi alle strutture ospedaliere bresciane.