Via libera agli agriturismi per il pernottamento

Alessandro Tebaldi di Agriturist Verona: «Accolto il nostro grido d’allarme, ora guardiamo al futuro con più fiducia».

Leonardo Granata Agriturist Veneto Confagricoltura agriturismi

Agriturist Veneto, l’associazione regionale degli agriturismi di Confagricoltura, applaude al via libera agli agriturismi per l’attività di pernottamento, che arriva dalla presidenza del Consiglio dei ministri. Anche se per ora, in questa Fase 2, riguarderà come tutte le strutture ricettive solo le persone autorizzate a spostarsi, vale a dire i lavoratori.

Il chiarimento è stato pubblicato sul sito della presidenza del Consiglio dei ministri, nella sezione delle Faq (domande frequenti) relative alla Fase 2. Alla domanda se alberghi, bed & breakfast e le altre strutture ricettive debbano restare chiuse, viene specificato infatti che “possono proseguire la loro attività”, anche se per ora, ovviamente, “esclusivamente per le persone autorizzate a spostarsi secondo le previsioni normative vigenti e sempre nel rispetto delle prescrizioni igienico-sanitarie e della distanza interpersonale, evitando comunque di causare assembramenti negli spazi comuni o in prossimità degli accessi”.

Una notizia accolta con grande soddisfazione da Agriturist Veneto, che nei giorni scorsi aveva avviato una campagna di protesta sui social, con migliaia di like,  rilevando una discriminazione palese nei confronti degli agriturismi, ai quali, all’indomani del decreto del 4 maggio e della successiva ordinanza della Regione Veneto, veniva concesso di accogliere il personale ospedaliero, ma non gli operai e i dipendenti aziendali come sancito invece per gli alberghi.

«Ringraziamo chi si è adoperato per sanare una situazione che ci stava penalizzando fortemente – sottolinea Leonardo Granata, presidente di Agriturist Veneto -, dalla deputata vicentina Maria Cristina Caretta che su questo aveva presentato prontamente un’interrogazione al presidente del Consiglio Giuseppe Conte e al ministro delle Politiche agricole Teresa Bellanova, al sottosegretario Giuseppe L’Abbate che ha sostenuto la nostra battaglia per parificare la disciplina a quanto già disposto per gli albergh».

Aggiunge Alessandro Tebaldi, presidente di Agriturist Verona: «Un bel passo, il primo grosso risultato dopo due mesi difficilissimi. Ora anche noi possiamo cominciare a riprendere la nostra attività e a cominciare a guardare con più fiducia al futuro. Finalmente la politica si è ricordata di noi e speriamo lo faccia in tutte le prossime occasioni in modo di non avere altri disguidi, anche nelle prossime fasi della ristorazione, perché noi abbiamo gli spazi idonei per garantire il rispetto di tutte le normative relative al distanziamento sociale dettate dall’emergenza coronavirus, dal momento che disponiamo di ampie tenute all’aperto che facilitano la possibilità di operare in sicurezza. E speriamo che al più presto si possa riprendere in pieno perché i costi di manutenzione, le bollette e tutte le altre spese ci sono giornalmente, oltre al personale in cassa integrazione che attende di poter tornare presto al lavoro».