Unilever, il presidio a Sanguinetto diventa caso nazionale

Domenica 9 giugno Lucia Annunziata durante la trasmissione “1/2 h in più” su Rai Tre si è collegata in diretta con gli operai che stavano manifestando davanti allo stabilimento veronese di Unilever.

La giornalista Lucia Annunziata ha definito quella appena trascorsa una «settimana nera dell’industria», con il caso Mercatone e la mancata fusione Fca-Renault, per citarne alcuni. L’attenzione nazionale è alta anche sulla vicenda della Unilever di Sanguinetto. Ieri nel corso della trasmissione Rai “1/2 h in più” si è parlato della crisi delle tante industrie italiane, che decidono di chiudere e portare la propria produzione all’estero. In studio a commentare, tra le altre, la situazione di Sanguinetto, il Ministro degli affari esteri Enzo Moavero Milanesi e gli ex Ministri Pier Carlo Padoan e Giulio Tremonti.

L’inviata ha raccolto in diretta le voci di sindacalisti e operai veronesi, che stavano manifestando davanti allo stabilimento Unilever, la multinazionale anglo-olandese che ha rilevato la produzione vent’anni fa. Il presidio veronese viene definito come «uno dei cuori della crisi industriale» che colpisce il nostro Paese. Ai microfoni Rai, i dipendenti dichiarano di sentirsi traditi dall’azienda. Quella stessa azienda, ricordano, in cui hanno sempre creduto e per cui hanno già fatto molti sacrifici. Ora tutti i lavoratori chiedono a gran voce l’intervento del Governo: «Noi più di così non possiamo fare, chiediamo che il Governo si metta una mano sul cuore e ci aiuti abbassando il costo del lavoro, altrimenti se ne andranno tutti dall’Italia. Noi abbiamo fatto il possibile, così come molti altri colleghi che lavorano in altre aziende.»

Lo scorso 30 maggio l’azienda ha annunciato di voler interrompere la produzione del dado Knorr, per delocalizzarla in Portogallo. La reazione di sindacati e lavoratori non si è fatta attendere. Tra i cartelli appesi ieri al collo dei manifestanti anche chiari messaggi come “50 anni di sapere non si possono delocalizzare” e “Unilever, l’azienda senza valori”. La manifestazione raccontata da “1/2 h in più” e quella dello scorso 5 giugno in piazza Cittadella a Verona sono solo alcuni degli appuntamenti che precederanno il tavolo di crisi, convocato dalla Regione Veneto per lunedì 17 giugno.